Rugby Championship 2015, a Sydney si decide il torneo: tris All Blacks o colpo Australia?

BvARO9zIQAAOPFV.jpg

Tutto in una partita. A Sydney All Blacks e Australia si giocano il Rugby Championship 2015 (in versione abbreviata per via dei Mondiali) nella terza ed ultima giornata del torneo, dopo le vittorie su Sudafrica e Argentina delle scorse settimane. Entrambe le squadre sono a 9 punti e all’ANZ Stadium andrà in scena qualcosa di più di un semplice match, soprattutto per i Wallabies, a secco di vittorie contro gli odiati rivali neozelandesi da ormai quattro anni (25-20 a Brisbane nel 2011).Da quel momento, sono arrivate otto vittorie dei kiwi e due pareggi, a testimoniare ulteriormente l’impotenza degli aussie di fronte ai campioni del mondo. Ci sarà la svolta? Sulla carta i favoriti sono sempre loro, Richie McCaw&co., ma i padroni di casa arrivano con il vento in poppa alla resa dei conti dopo quanto di buono fatto vedere recentemente. Per ribaltare il pronostico, tuttavia, non basteranno le prestazioni delle prime due giornate.

Kick-off alle ore 12:05, diretta tv su Sky Sport 2

Australia: 15 Israel Folau, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 Tevita Kuridrani, 12 Matt Giteau, 11 Drew Mitchell, 10 Bernard Foley, 9 Nick Phipps, 8 David Pocock, 7 Michael Hooper, 6 Scott Fardy, 5 James Horwill, 4 Dean Mumm, 3 Sekope Kepu, 2 Stephen Moore (c) 1 Scott Sio
Replacements: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 James Slipper, 18 Greg Holmes, 19 Will Skelton, 20 Ben McCalman, 21 Nic White, 22 Matt Toomua, 23 Kurtley Beale

New Zealand: 15 Ben Smith, 14 Nehe Milner-Skudder, 13 Conrad Smith, 12 Sonny Bill Williams, 11 Julian Savea, 10 Daniel Carter, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Richie McCaw (captain), 6 Jerome Kaino, 5 Luke Romano, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Tony Woodcock
Replacements: 16 Codie Taylor, 17 Ben Franks, 18 Nepo Laulala, 19 Samuel Whitelock, 20 Sam Cane, 21 TJ Perenara, 22 Beauden Barrett, 23 Malakai Fekitoa

Dall’altra parte dell’Emisfero Sud, a Durban, Sudafrica e Argentina cercheranno di interrompere la striscia negativa di luglio e di mettere un tassello importante al puzzle del percorso di avvicinamento ai Mondiali. Vincere non servirà a nulla per quanto riguarda il torneo, certo, ma rappresenterebbe un’enorme iniezione di fiducia in particolare per gli Springboks, reduci da due sconfitte beffarde maturate negli ultimi minuti (con i Wallabies a tempo già scaduto). Per i Pumas l’obiettivo primario sarà senz’altro quello di restare a contatto nel punteggio quanto più possibile, quello che non è avvenuto invece contro le due nazioni oceaniche, nonostante i sudamericani non abbiano mai sfigurato.

Kick-off alle ore 17:05, diretta tv su Sky Sport 2

Sudafrica: 15 Willie le Roux, 14 Jesse Kriel, 13 Jean de Villiers (c), 12 Damian de Allende, 11 Bryan Habana, 10 Handré Pollard, 9 Ruan Pienaar, 8 Schalk Burger, 7 Marcell Coetzee, 6 Heinrich Brüssow, 5 Lood de Jager, 4 Eben Etzebeth, 3 VIncent Koch, 2 Bismarck du Plessis, 1 Tendai Mtawarira.
A disposizione:16 Adriaan Strauss, 17 Trevor Nyakane, 18 Marcel van der Merwe, 19 Pieter-Steph du Toit, 20 Siya Kolisi, 21 Cobus Reinach, 22 Pat Lambie, 23 Lwazi Mvovo.

Argentina: 15 Joaquin Tuculet, 14 Horacio Agulla, 13 Marcelo Bosch, 12 Jeronimo de la Fuente, 11 Juan Imhoff, 10 Juan Martin Hernandez, 9 Tomas Cubelli, 8 Leonardo Senatore, 7 Juan Manuel Leguizamon, 6 Pablo Matera, 5 Tomas Lavanini, 4 Guido Petti, 3 Nahuel Tetaz Chaparro, 2 Agustin Creevy (c), 1 Marcos Ayerza.
A disposizione: 16 Julian Montoya, 17 Lucas Noguera, 18 Matias Diaz, 19 Matias Alemanno, 20 Tomas Lezana, 21 Martin Landajo, 22 Santiago Gonzalez Iglesias, 23 Lucas Amorosino

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@oasport.it

Twitter SA Rugby Magazine

Lascia un commento

Top