Pallanuoto, Mondiali Kazan 2015: Italia-Grecia vale bronzo e Rio. Serbia-Croazia per l’oro

Pallanuoto-Settebello-Renzo-Brico2.jpg

Interrotto il sogno dell’oro, prosegue il Mondiale di pallanuoto maschile per il Settebello, che avrà domani a Kazan l’ultimo atto nella finale per il bronzo con la Grecia (ore 19.30) che varrà anche come spareggio per il pass olimpico per Rio 2016. Saranno invece le due slave Serbia e Croazia a giocarsi il titolo iridato: i campioni europei contro i campioni olimpici, uno scontro davvero di altissimo livello. Appuntamento domani alle 21.

Torniamo agli azzurri: dopo l’impresa nei quarti con l’Ungheria e la delusione della semifinale con la Serbia, fondamentale sarà la sfida con la Grecia, nel remake della prima partita del torneo, persa dal Settebello di misura. Gli ellenici sono la vera sorpresa di questo torneo: molta fisicità, ma soprattutto il cuore le armi in più della squadra di Kechagias. I greci non si danno mai per vinti: più volte in svantaggio sia nei quarti con l’Australia, che nella semifinale con la Croazia (ma anche nel girone con Italia e USA), sono riusciti sempre a rimontare e a portare la partita ai rigori (sfortunati nel penultimo atto con i campioni olimpici). Settebello sulla carta favorito, però occhio a sottovalutare questo incontro: Sandro Campagna saprà sicuramente preparare al meglio la partita, per avvicinarsi all’obiettivo del quadriennio, la medaglia olimpica. Bisognerà ritrovare tutti gli aspetti che sono risultati negativi ieri: a partire dalla difesa, passando per l’uomo in più, arrivando all’attacco. Cancellare la delusione della semifinale e ripartire dal fantastico quarto con i campioni del mondo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui per mettere “Mi piace” a Pallanuoto Italia

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

Foto: Renzo Brico

Lascia un commento

Top