Pallanuoto, Italia-Grecia 9-6: le pagelle delle azzurre. Clonate Tania Di Mario!

Pallanuoto-femminile-Setterosa-Profilo-FB-Garibotti.jpg

L’Italia ha battuto la Grecia 9-6, approdando in semifinale ai Mondiali di pallanuoto femminile a Kazan. Di seguito le pagelle delle azzurre.

Gorlero, 8: un’assoluta garanzia. Si conferma uno dei migliori portieri della manifestazione. Dona tranquillità alla retroguardia, non commette errori e compie almeno due interventi decisivi ad inizio gara.

Tabani, 7: preziosissimo il suo apporto in fase difensiva. Malgrado la giovanissima età (classe 1994), gioca da veterana, senza alcun timore. La ragazza ha una stoffa che la porterà lontano.

Garibotti 7.5: due gol e tanta sostanza. Un pilastro di questo Setterosa.

Queirolo, 6: si vede poco o nulla in fase offensiva, ma non fa mancare il suo apporto nel contenere gli attacchi ellenici.

Radicchi, 7.5: a tratti cancella completamente Asimaki, centroboa greco di caratura mondiale. Difesa monumentale per la 26enne romana, una delle chiavi della vittoria. Realizza anche una rete pesante.

Aiello, 6.5: entra per dare respiro a Frassinetti. Pochi minuti in acqua, ma tanta freddezza. Fa sempre la cosa giusta.

Di Mario, 9: clonatela! Classe, talento, personalità, carisma, energia: una giocatrice totale, forse irripetibile. Una colonna insostituibile per il Setterosa. Ha gli occhi della vincente, gioca senza alcun timore e si carica la squadra sulle spalle nei momenti decisivi del match. Non conosce la pressione e realizza 4 gol decisivi. Ha 36 anni, eppure sembra di rivedere la Tania Di Mario che conquistava l’oro olimpico ad Atene 2004. Innumerevoli battaglie alle spalle non ne hanno placato l’ardore: nel suo sguardo si intravede ancora la luce di chi ha ancora voglia di lasciare un segno nella storia.

Bianconi, 8: le sue conclusioni dalla distanza appaiono delle vere e proprie sentenze per i portieri avversari. Va a referto con due bordate e lascia il segno anche in una serata non proprio di grazia. Un dato che la dice lunga sullo status di campionessa d’alto rango raggiunto dalla 26enne di Rapallo.

Emmolo, 5: timorosa e insicura, non si prende mai la responsabilità al tiro. Gioca una partita anonima, quasi sempre fuori dal gioco. L’approccio dovrà cambiare completamente in semifinale. Giulia è una giocatrice determinante per questo Setterosa: deve dare molto di più.

Frassinetti, 7: è uno spauracchio per la difesa della Grecia e non a caso viene spesso anche triplicata. Nonostante questo, risulta difficilmente marcabile e si guadagna un rigore e diverse espulsioni cruciali.

Pomeri e Barzon, 6.5: Conti crede in queste due giovani e regala loro minuti importanti. Non sfigurano e partecipano ad una prestazione quasi perfetta da parte del Setterosa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Lascia un commento

Top