Pallanuoto femminile, Kazan 2015: il Setterosa vola in semifinale, battuta la Grecia!

Tania-Di-Mario.jpg

Il Setterosa torna in semifinale ai Mondiali. Nella rassegna iridata in corso di svolgimento a Kazan la nazionale italiana di pallanuoto femminile entra tra le migliori 4 al mondo dopo il quarto posto finale di Shanghai 2011. E lo fa trascinata dalla sua capitana Tania Di Mario nei quarti contro la Grecia che aveva eliminato le azzurre nelle tre edizioni passate.

L’inizio del match non è certo scoppiettante per realizzazioni. A rompere il ghiaccio è proprio Di Mario che sigla il primo gol per portare in vantaggio le azzurre a 2’37” dalla fine del primo parziale di gioco. Nel secondo il Settersoa prova a cambiare marcia e si porta sul 4-1 ancora con Di Mario, poi Arianna Garibotti e Roberta Bianconi, le più ispirate di una squadra cui è mancata, per una volta, Giulia Emmolo. Nel giro di un paio di minuti però il vantaggio sfuma e a metà partita le elleniche si riportano a contatto sul 4-3.

Nuovo parziale che porta ancora le firme di Di Mario e Bianconi, oltre che Radicchi, nel terzo quarto di gioco che risulterà poi decisivo. L’Italia, con 3 gol di margine, riesce poi a gestire per fissare il punteggio finale sul 9-6 che vale la semifinale contro l’Olanda, bestia nera delle azzurre negli scorsi Europei quando una medaglia sembrava ormai a portata di mano. Negli ultimi 12 mesi, però, sembra cambiato tutto e il giovane e promettente Setterosa è maturato fino a diventare una delle squadre da battere anche a questi livelli.

Il tabellino del match:

Italia-Grecia 9-6

Italia: Gorlero 0, Tabani 0, Garibotti 2, Queirolo 0, Radicchi 1, Aiello 0, Di Mario 4, Bianconi 2, Emmolo 0, Pomeri 0, Barzon 0, Frassinetti 0, Teani 0. All. Conti

Grecia: Kouvdou 0, Tsoukala 0, S. Charalampidi 3, Kotsia 1, Plevritou 0, Avramidou 0, Asimaki 1, Roumpesi 0, T. Charalampidi 0, Manoliudaki 1, Plevritou 0, Xenaki 0, C. Diamantopoulou 0. All. Morfesis

Arbitri: Koganov (aze), Koryzna (pol)

Note

Parziali: 1-0 3-3 3-2 2-1 Nessuna uscita per limite di falli. Superiorità numeriche: Italia 2/10 + un rigore; Grecia 4/6. In porta della Grecia la n.13 C. Diamantopoulou. Spettatori 300 circa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Lascia un commento

Top