MotoGP, GP Repubblica Ceca 2015, pagelle: Lorenzo perfetto, Marquez solido, Rossi minimo sindacale

Jorge-Lorenzo-2-MotoGP-Fonte-Yamaha-Libera.jpg

L’undicesimo round del Mondiale di MotoGP, ha lasciato tanti spunti lungo i 5304m del circuito del Brno ed è tempo di pagelle per i principali protagonisti del campionato iridato.

Jorge Lorenzo 10: Partiamo ovviamente dal vincitore o, per meglio dire, il dominatore del weekend in Repubblica Ceca. Un successo alla Lorenzo, costruito dal venerdì con un passo gara irresistibile simulato con gomme usate e pienamente confermato la domenica. Un altro pianeta Jorge per i suoi avversari e mentre costoro arrancavano per le tante buche disseminate sulla pista, lui passava indenne con precisione chirurgica e con uno stile preciso e fluido, come un videogame. Semplicemente perfetto! Ora vetta della graduatoria mondiale conquistata e non sarà facile scalzarlo.

Marc Marquez 8: Più di secondo posto era difficile fare per il Cabronçito. Su una pista più adatta alle caratteristiche del pacchetto Lorenzo-Yamaha, la prestazione in gara per Marc vale quasi come un successo perchè capace di mettersi alle spalle Valentino Rossi e recuperare ancora dei punti sull’italiano. Certo, con un Lorenzo così la rimonta si fa complicata ma c’è da credere che il 93 tirerà fino alla fine.

Valentino Rossi 6: Una sufficienza dettata più dall’undicesimo podio in 11 gare che per la velocità dimostrata in pista. Una delle peggiori gare dell’anno, così l’ha definita Rossi, ed effettivamente il “Dottore” non è mai stato della partita per le prime due posizioni. Partenza sbagliata e passo gara, mediamente, mezzo secondo più lento di Lorenzo. Classifica che non sorride più molto, con Jorge a pari punti ma in vantaggio per il numero di vittorie. Urge una reazione!

Andrea Iannone 7.5: Un’altra gara di grande solidità per Iannone. Un quarto posto che vale molto con una Ducati in ripresa rispetto alle ultime quattro gare, sia in configurazione da qualifica che gara. Indubbiamente i 13 secondi dal vincitore non sono pochi ma confortano però i soli 3 che l’abruzzese ha accusato da Rossi. Un bel segnale per il pilota e la Rossa.

Dani Pedrosa 7: Date le condizioni tutt’altro che perfette, non si può che valutare positivamente il quinto posto dello spagnolo, al termine di un duello “rusticano” con Dovizioso. Grande determinazione per Dani che a Brno riesce a trovare sempre energie nel corpo a corpo incredibili.

Andrea Dovizioso 6.5: Non all’altezza del suo compagno di squadra, il forlivese, dopo una splendida partenza, ha un perso brillantezza giro dopo giro. Da apprezzare, tuttavia, la determinazione dimostrata nel confronto con Pedrosa con una moto più performante della sua.

Bradley Smith 7: Si parla sempre troppo poco di lui ma il pilota britannico del team Tech3 sta dimostrando di avere un’ottima velocità, essendo spesso più consistente di un Pol Espargarò, considerato come la nouvelle vague di casa Yamaha. Un settimo posto che è un’ulteriore conferma dell’ottima stagione disputata da Smith.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: Yamaha

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top