Judo, Mondiali 2015: tabelloni, azzurri e favoriti della sesta giornata

Judo-Teddy-Riner-7-IJF.jpg

Il programma di domani domani dei Campionati Mondiali di judo 2015, organizzati per la prima volta dalla capitale kazaka, Astana, prevede una nuova giornata di combattimenti, a partire dalle ore 07:00 italiane. A distribuire gli ultimi tre titoli individuali in questo sesto giorno della rassegna iridata saranno le categorie +78 kg femminile, 100 kg maschile e +100 kg maschile.

+78 KG FEMMINILE

LE TESTE DI SERIE
1 Yu Song CHN
2 Idalys Ortiz CUB
3 Franziska Konitz GER
4 Nihel Cheikh Rouhou TUN
5 Ma Sisi CHN
6 Svitlana Iaromka UKR
7 Émilie Andéol FRA
8 Kanae Yamabe JPN

LA CAMPIONESSA IN CARICA
La cubana Idalys Ortiz, venticinque anni, si è aggiudicata il titolo olimpico a Londra 2012 e successivamente ha vinto anche le edizioni dei Mondiali del 2013 e del 2014. La judoka caraibica, che vanta anche un bronzo olimpico e due bronzi iridati, ha dimostrato di saper fare sempre centro in occasione delle rassegne importanti, anche se durante la stagione non sempre è perfetta. Quest’anno, comunque, ha portato il suo numero di titoli continentali a tredici.

LE FAVORITE
Se Ortiz sembra la favorita per ottenere il tris, altre atlete aspirano a scipparle il trono. Tra queste c’è sicuramente la cinese Yu Song, ventottenne che quest’anno si è portata al comando del ranking mondiale grazie a vittorie di prestigio come quella del titolo asiatico e soprattutto del World Masters di Rabat. Il Giappone punterà invece su Kanae Yamabe, atleta sulla breccia da diverse stagioni che però va ancora alla ricerca del suo primo podio mondiale (lo scorso anno fu settima). La francese Émilie Andéol, invece, ha conquistato il secondo titolo europeo di fila in quel di Baku, e già lo scorso anno salì sul terzo gradino del podio iridato in Russia.

100 KG MASCHILE

LE TESTE DI SERIE
1 Lukáš Krpálek CZE
2 Elmar Gasimov AZE
3 Dimitri Peters GER
4 Karl-Richard Frey GER
5 Martin Pacek SWE
6 Henk Grol NED
7 Cyrille Maret FRA
8 Adlan Bisultanov RUS

IL CAMPIONE IN CARICA
Il ceco Lukáš Krpálek ha vinto lo scorso anno il suo primo titolo mondiale dopo aver ottenuto due bronzi nelle edizioni precedenti. Quest’anno, però, il ventiquattrenne non ha convinto molto, perdendo anche il titolo europeo dopo due vittorie di fila, seppur guadagnandosi comunque l’argento. Krpálek si è piazzato secondo anche al World Masters di Rabat, altro ottimo risultato, ma non sembra essere l’atleta quasi imbattibile del 2014. Chi vorrà vincere, comunque, dovrà fare i conti anche con lui.

I FAVORITI
I più indicati per battere il ceco campione in carica sono coloro che lo hanno già fatto. Innanzi tutto l’azero Elmar Gasimov, numero due del ranking mondiale e vincitore del World Masters, ma anche l’olandese Henk Grol, che a trent’anni è tornato a laurearsi campione d’Europa dopo la prima medaglia d’oro vinta nel 2008. Grol, fra l’altro, in carriera ha già disputato tre finali iridate, ma non ha mai vinto. Tra i pretendenti al podio va considerato anche il francese Cyrille Maret, bronzo continentale nelle ultime tre edizioni della rassegna europea, mentre tra coloro che non beneficeranno di una testa di serie suggeriamo di seguire il cubano José Armenteros, sorprendente finalista un anno fa.

L’AZZURRO
L’unico azzurro presente in quest’ultima giornata di gare sarà Domenico Di Guida. Il ventiduenne campano ha vinto quest’anno l’European Cup di Londra, ed occupa la quarantacinquesima posizione nel ranking mondiale. Al primo turno sfiderà il ventiquattrenne bulgaro Daniel Dichev, mentre al secondo potrebbe trovare uno fra il messicano Sergio García ed il tunisino Anis Ben Khaled, tutti atleti che, a nostro avviso, sono alla portata dell’azzurro. La grande sfida potrebbe arrivare, invece, agli ottavi di finale, dove dovrebbe incrociare Maret.

+100 KG MASCHILI

LE TESTE DI SERIE
1 Teddy Riner FRA
2 Faicel Jaballah TUN
3 Renat Saidov RUS
4 Barna Bor HUN
5 Roy Meyer NED
6 Ryu Shichinohe JPN
7 Adam Okruashvili GEO
8 Levani Matishvili GEO

IL CAMPIONE IN CARICA
Per chiunque mastichi un po’ di judo, Teddy Riner non dovrebbe avere bisogno di presentazioni. Campione olimpico della categoria e sette volte campione mondiale in individuale, il francese classe 1989 ha vinto gli ultimi sei titoli della massima categoria di peso. È inoltre imbattuto da quasi cinque anni, un record assoluto tra i judoka in attività. Quest’anno ha effettuato una sola uscita, dominando la concorrenza al World Masters di Rabat, e rinunciando poi alla difesa del titolo ai Campionati Europei, competizione nella quale vanta quattro medaglie d’oro in altrettante partecipazioni.

I FAVORITI
Ad essere onesti, questo paragrafo dovrebbe essere vuoto, visto che qualsiasi vincitore diverso da Teddy Riner sarebbe la più grande sorpresa del Mondiale. Con l’assenza del brasiliano Rafael Silva, i principali rivali del gigante di Guadalupa saranno il georgiano Adam Okruashvili, che ha vinto il titolo europeo a Baku dopo due finali perse contro lo stesso Riner, ed il giapponese Ryu Shichinohe, che lo scorso anno disputò la finale iridata creando qualche difficoltà al campionissimo francese. Per il podio c’è anche il campione africano Faicel Jaballah, tunisino che fu già bronzo a Rio de Janeiro nel 2013.

Clicca qui per la pagina Facebook JUDO LOTTA TAEKWONDO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: IJF

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top