Golf, Bridgestone Invitational: Jim Furyk vola in Ohio, giornata storta per Molinari

CC-cn8zUkAAqqaS.jpg

Jim Furyk mette la freccia e scappa via nel secondo round del Bridgestone Invitational (montepremi $ 9.250.000), terzo torneo dell’anno dei World Golf Championships. Il fuoriclasse 45enne spacca la gara con il secondo imperioso -4 (66) consecutivo, con cui vola a quota -8 (132 – 66 66) distanziando i diretti inseguitori di ben quattro colpi. Il complicato Firestone di Akron si conferma completamente adatto alle caratteristiche del numero sette al mondo, capace di infilare ben sette birdie a fronte di tre bogey.

Furyk, tornato a vincere dopo quasi cinque anni ad aprile, si mette alle spalle un terzetto in grado di fermarsi soltanto alla metà dello score del leader (-4, 136). Non sorprendono le presenze di due bomber statunitensi come Bubba Watson e Dustin Johnson, saliti in seconda posizione rispettivamente con un -4 ed un -3, mentre stupisce in parte l’affinità trovata da Shane Lowry sul campo americano. L’irlandese scala venti posizioni (anche lui con un 66) e si piazza a pari merito con Watson e Johnson. Il neozelandese Danny Lee, leader insieme a Furyk ieri, cede il passo con un +2 e scivola in quinta posizione (-3), dove trova un altrettanto opaco Graeme McDowell e eun solido Henrik Stenson. Grande affollamento, invece, in ottava posizione, dove a -2 si sono fermati ben nove golfisti, tra cui il favorito numero uno del torneo, Jordan Spieth. Il numero due al mondo ritrova delle buone sensazioni rispetto a ieri e infila un buon -2, ma dovrà accelerare ulteriormente per raggiungere Furyk. Risalgono di ventotto posizioni Patrick Reed e Sergio Garcia, con un 67, si difende Brooks Koepka mentre non scendono sotto il Par Justin Rose, Webb Simpson, Lee Westwood e Robert Streb.

In diffcoltà anche Rickie Fowler, 17esimo a -1, mentre Adam Scott è soltanto 26esimo a +1. Giornata assolutamente negativa per Francesco Molinari, che comincia ale e non riesce mai a raddrizzare il giro: il torinese si inabissa in 46esima posizione (143 – 69 74, +3) con cinque bogey ed un solo birdie, per un parziale di 74 (+4).

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla pagina dedicata al golf!
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@oasport.it

Foto: Twitter PGA Tour

Lascia un commento

Top