Ginnastica, Lisa Mason: “Torno da mamma single! Voglio le Olimpiadi dopo 16 anni d’assenza”

Lisa-Mason.jpg

Lisa Elena Jane Mason è una delle grandi icone della ginnastica artistica britannica. Andando a prendere qualsiasi statistica lei è sempre stata “la prima del suo Paese a raggiungere un determinato traguardo nell’Universo della Polvere di Magnesio”.

Ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney 2000, a ben tre Mondiali ed Europei, ha vinto medaglie d’oro ai Giochi del Commonwealth, è stata la prima inglese a conquistare una finale iridata e olimpica nell’all-around. Fu proprio a Tianjin 1999 che guidò la sua Nazionale alla prima qualificazione al completo (6 posti) della storia del suo Paese. Nel 1998 sconfisse addirittura Khorkina e Produnova in una tappa di Coppa del Mondo.

La ragazza di Aylesbury ha compiuto 33 anni lo scorso febbraio, fatto che la rende la seconda ginnasta agonista più anziana in attività (il primato è naturalmente detenuto da Oksana Chusovitina con i suoi 40 anni).

 

Con Oksana non divide solo l’età da veterana ma anche il fatto di essere mamma. Lisa ha partorito nel 2005 quando, dopo aver provato un timido rientro all’attività, ha scoperto di esser incinta di tre mesi. Poi ha cresciuto sua figlia Yarlana e nel 2012, dopo essersi esibita in uno show durante le Olimpiadi casalinghe di Londra, ha pensato bene che le sarebbe piaciuto ritornare a tutti gli effetti a gareggiare in una rassegna a cinque cerchi.

Mirino puntato su Rio de Janeiro, 16 anni dopo la sua prima e unica volta. Sarebbe un numero da vero record, mai riuscito a nessuno nella storia di tutti gli sport contemporanea: chi ha gareggiato dopo 4 cicli olimpici era presente anche nei quadrienni intermedi, senza aver lasciato buchi così grandi.

 

Ritornare dopo un parto, a 33 anni, sognando concretamente le Olimpiadi non è certamente una cosa da tutte.Pur amando di essere una mamma, non sono ancora pronta per smettere di essere un’atleta – ha dichiarato la Mason all’Huffingtonpost -. In fondo non è la prima volta che ritorno: a 13 anni mi rubbi il braccio.

Tutti dicevano che non ce l’avrei mai fatto ma sei mesi dopo sono ritornata per diventare la più giovane Campionessa Britannica di tutti i tempi. Il mio era il periodo in cui la ginnastica finiva massimo a 18 anni. Dopo le Olimpiadi le atlete cambiavano. E così lasciai anch’io ma capii subito che non potevo convivere con quello stato d’animo.

Nel 2004 tornai ma dopo pochi giorni d’allenamento compresi di essere incinta. E così la mia vita è cambiata. La decisione di ritornare alla ginnastica è tramontata ma è stata la nascita della mia bimba a farmi ritornare: senza di lei non penso che il mio rientro avrebbe avuto questo successo.

Sono una mamma single e mi finanzio da sola. Mia mamma è il mio supporto: senza di lei nulla sarebbe possibile e mia figlia è la ragazza che mi sprona a fare tutto. Ci sono tante donne e ragazze madri che mi supportano e dicono che da me prendono ispirazione”.

Il ritorno è stato davvero sorprendente. Ai Campionati Nazionali 2015 ha vinto l’argento al corpo libero, il bronzo al volteggio ed è stato sbalorditiva quarta nell’all-around. La concorrenza è spietata, difficilmente la vedremo a Glasgow e a Rio ma mai dire mai.

Tag

Lascia un commento

Top