Ginnastica, Campionati Asiatici – Giappone batte Cina, Sugihara di gloria, Fan e Miyakawa il meglio: verso il Mondiale…Tutti i risultati

Yan-Wang-Cina.jpg

Nel weekend si sono disputati a Hiroshima (Giappone) i Campionati Asiatici di ginnastica artistica.

Occasione importante per misurare il polso al movimento d’Oriente anche se la Cina, attesa a una grande prestazione ai Mondiali, si è molto coperta non convocando molte delle sue big. Lo squadrone ha infatti perso dal Giappone (231.800 a 230.950) che ha invece onorato la manifestazione di casa schierando per buona parte la sua formazione tipo. La Corea del Sud ha completato il podio (212.350).

Questi i due sestetti: Sugihara, Teramoto, Uchiyama, Sasada, Yumoto, Miyakawa; Wang, Chen, Mao, Fan, Zhu, Xie. Saranno verosimilmente rivisti e rimodulati per la spedizione di Glasgow dove ci si giocheranno i pass per le Olimpiadi: la Cina non dovrebbe avere grossi problemi, il Giappone è invece in piena lotta per centrare la Finale a squadre.

 

A sorpresa la giapponese Aiko Sugihara trionfa nel concorso generale con un punteggio di assoluto spessore: 58.050 utile per mettersi alle spalle di mezzo decimo la cinese Yan Wang (58.000) e la ben più accreditata connazionale Asuka Teramoto (57.750) che si prende il bronzo ai danni della stella cinese Siyi Chen (57.700).

Gara estremamente regolare per la Sugihara che ottiene i migliori risultati alle parallele (14.850) e alla trave (14.650) eccellendo anche al corpo libero (14.300) e contenendo al volteggio (14.250). La Wang ha provato a rispondere grazie a due staffilate da urlo sui 10cm (14.950) e alla tavola (15.050), gli staggi sono inferiori a quanto sa fare la scuola cinese (14.250) mentre il corpo libero non si smentisce e si conferma tallone d’Achille (13.750). La Teramoto ha confermato il suo talento su trave e parallele (doppio 14.850) ma è il corpo libero a impedirle di salire più in alto (13.750).

A brillare a livello assoluto, però, sono state la Miglior Prestazione Mondiale Stagionale alle parallele firmata dalla cinese Yilin Fan (clicca qui per guardare il VIDEO) e l’eccezionale corpo libero di Sae Miyakawa premiato con 14.950 (6.4, Chusovitina e Silivas in chiusura).

 

Era presente anche la vietnamita Thi Ha Thanh Phan, già di bronzo al volteggio ai Mondiali, ma a sorpresa non si è esibita sul suo attrezzo. Dipa Karmakar, l’indiana che nel 2014 eseguì un Produnova senza cadere, si prende il bronzo al volteggio. Nelle Finali di Specialità la Cina conquista le quattro medaglie d’oro in palio con Wang al volteggio (14.987) e al corpo libero (14.575), Zhu agli staggi (15.050), Fan alla trave (14.550).

 

Lascia un commento

Top