Equitazione, Europei Aachen 2015: Bucci per salvare l’Italia. Si cerca il successore di Bost

Equitazione-Piergiorgio-Bucci-dothorse.it_.jpg

Quando siamo oramai prossimi alla conclusione dei Campionati Europei di equitazione 2015, ci troviamo a aprlare di un’italia che, per quanto riguarda le discipline olimpiche del dressage e del salto ostacoli, merita una valutazione che non raggiunge la sufficienza. Ultimi nella prova a squadre di dressage, fuori dalla finale a squadre di salto ostacoli e presenti con un solo binomio in quella individuale: un bilancio che non può di certo soddisfare, oltretutto se si pensa che in palio c’erano i posti qualificativi per Rio 2016.

Quest’oggi, le sorti dell’Italia del salto ostacoli saranno tutte nelle mani di Piergiorgio Bucci e del suo Catwalk Z, che partiranno dalla diciottesima posizione della classifica. Naturalmente non si può pretendere che il binomio azzurro possa lottare per le posizioni del podio (anche se non sarebbe stato così utopistico senza quella sbavatura sull’ultima barriera del terzo percorso), ma Bucci potrebbe guadagnare posizioni importanti con due bei percorsi, dando quanto meno un motivo di soddisfazione agli appassionati italiani.

L’interesse generale sarà naturalmente per le prime posizioni, quelle che assegneranno le medaglie: per ragioni diverse, i primi tre classificati dell’edizione di Herning 2015 non saranno presenti nella finale di Aachen, e dunque bisognerà trovare un successore al francese Roger-Yves Bost, vincitore in Danimarca. A partire in pole sarà lo spagnolo Sergio Álvarez Moya su Carlos 273, con 1.47 punti negativi, che potrebbe diventare il primo iberico a salire su un podio continentale nel salto ostacoli. L’iberico, però, non è abituato a lottare per un traguardo così importante, e potrebbe patire il peso della pressione.

Chi non teme i grandi appuntamenti è invece Jeroen Dubbeldam, che con SFN Zenith N.O.P. spera di conquistare una nuova medaglia d’oro: campione olimpico a Sydney 2000, il cavaliere Oranje ha vinto lo scorso anno i due titoli iridati in palio a Caen, ed anche quest’anno potrebbe centrare la doppietta tra la prova a squadre e quella individuale. Tra l’altro, Dubbeldam vanta già un bronzo europeo individuale vinto nel 2005. L’Olanda, però, non sale sul gradino più alto del podio di questa gara dal 1977, quando trionfò Johan Heins.

Nonostante i tanti piazzamenti sul podio, la Svizzera non ha mai ottenuto il titolo europeo individuale. Ci proverà oggi Romain Duguet con Quorida de Treho, incoraggiato dalle ottime prestazioni di tutta la squadra elvetica che hanno permesso ai rossocrociati di ottenere il bronzo a squadre e la qualificazione olimpica. Da non escludere dalla lotta neppure e l’amazzone francese Pénélope Leprevost su Flora de Mariposa (4.00), leader delle prime due giornate di gara, che potrebbe mantenere il titolo in Francia, riportando un’amazzone al successo dopo Meredith Michaels-Beerbaum nel 2007.

CLICCA QUI PER LA START LIST DELLA FINALE

ALBO D’ORO

Anno

Località

Oro

Argento

Bronzo

1957

Rotterdam Hans Günter Winkler Bernard de Fombelle Salvatore Oppes

1958

Aquisgrana Fritz Thiedemann Piero D’Inzeo Hans Günter Winkler

1959

Parigi Piero D’Inzeo Pierre Jonquères d’Oriola Fritz Thiedemann

1961

Aquisgrana David Broome Piero D’Inzeo Hans Günter Winkler

1962

Londra David Barker Hans Günter Winkler Piero D’Inzeo

1963

Roma Graziano Mancinelli Alwin Schockemöhle Harvey Smith

1965

Aquisgrana Hermann Schridde Nelson Pessoa Alwin Schockemöhle

1967

Rotterdam David Broome Harvey Smith Alwin Schockemöhle

1969

Hickstead David Broome Alwin Schockemöhle Hans Günter Winkler

1971

Aquisgrana Hartwig Steenken Harvey Smith Paul Weier

1973

Hickstead Paddy Mcmahon Alwin Schockemöhle Hubert Parot

1975

Monaco di Baviera Alwin Schockemöhle Hartwig Steenken Sönke Sönksen

1977

Vienna Johan Heins Eddie Macken Antoon Ebben

1979

Rotterdam Gerd Wiltfang Paul Schockemöhle Hugo Simon

1981

Monaco di Baviera Paul Schockemöhle Malcolm Pyrah Bruno Candrian

1983

Hickstead Paul Schockemöhle John Whitaker Frederic Cottier

1985

Dinard Paul Schockemöhle Heidi Robbiani John Whitaker

1987

San Gallo Pierre Durand John Whitaker Nick Skelton

1989

Rotterdam John Whitaker Michael Whitaker Jos Lansink

1991

La Baule Eric Navet Franke Sloothaak Jos Lansink

1993

Gijón Willi Melliger Michel Robert Michael Whitaker

1995

San Gallo Peter Charles Michael Whitaker Willi Melliger

1997

Mannheim Ludger Beerbaum Hugo Simon Willi Melliger

1999

Hickstead Alexandra Ledermann Markus Fuchs Lesley Mcnaught-Mändli

2001

Arnhem Ludger Beerbaum Ludo Philippaerts Rolf-Göran Bengtsson

2003

Donaueschingen Christian Ahlmann Ludger Beerbaum Marcus Ehning

2005

San Patrignano Marco Kutscher Christina Liebherr Jeroen Dubbeldam

2007

Mannheim Meredith Michaels-Beerbaum Jos Lansink Ludger Beerbaum

2009

Windsor Kevin Staut Carsten-Otto Nagel Albert Zoer

2011

Madrid Rolf-Göran Bengtsson Carsten-Otto Nagel Nick Skelton

2013

Herning Roger-Yves Bost Ben Maher Scott Brash

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: dothorse.it

giulio.chinappi@oasport.it

Lascia un commento

Top