Badminton, Mondiali 2015: piccoli passi azzurri

cicogninimaddalonigreco14.jpg

Dobbiamo essere umili e continuare con entusiasmo perché sono sicuro che siamo sulla strada giusta. Finito il Campionato del Mondo per noi è tempo di fare una valutazione individuale e di lavorare prima di partire per i futuri appuntamenti con il consueto entusiasmo che contraddistingue tutto il team”. Il direttore tecnico Arturo Ruiz ha commentato in questo modo al sito FIBa le prestazioni degli azzurri ai Mondiali di badminton terminati ieri a Jakarta.

Per la nazionale italiana, l’ultima avventura iridata prima delle Olimpiadi di Rio si era già conclusa al primo turno sia per il singolarista Rosario Maddaloni, sia per la singolarista Jeanine Cicognini, sia per la coppia di doppio composta dallo stesso Maddaloni e da Giovanni Greco. L’unico, sottile rimpianto può essere legato alla sfida dell’italo-elvetica contro un’avversaria tutto sommato di pari livello, ma in generale si sapeva sin dal sorteggio che la strada tricolore a Jakarta sarebbe risultata alquanto complicata: nota di merito a Maddaloni che, contro la tredicesima forza del tabellone, ha giocato sostanzialmente alla pari dimostrando un potenziale molto interessante. In ogni caso, rispetto ad un anno fa ben tre atleti, a fronte del solo Giovanni Greco, hanno preso parte alla rassegna iridata e questo rappresenta un chiaro segnale di miglioramento del badminton azzurro ai massimi livelli, e non solo nell’ambito giovanile dove, come abbiamo raccontato più volte, si sta lavorando alacremente in chiave 2020 e 2024.

A livello assoluto, i Mondiali indonesiani hanno confermato l’assoluto predominio del continente asiatico e in particolare della Cina, per la quale questo sport rappresenta da sempre una fucina inesauribile di medaglie: l’unica eccezione allo strapotere dell’Asia si chiama Carolina Marín, per il secondo anno consecutivo iridata del singolare femminile (ben quattro dei cinque titoli sono stati confermati rispetto all’edizione 2014). Cina per distacco, poi Spagna, Indonesia, Malesia, Corea del Sud, Giappone, Danimarca e India: il medagliere del badminton riguarda solo queste nazioni.

foto: FIBa

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Lascia un commento

Top