Atletica, Mondiali 2015 – Tamberi in Finale nell’alto: il peso dell’Italia su di lui. Fassinotti si ritira

Gianmarco-Tamberi.jpg

Gianmarco Tamberi riesce a qualificarsi alla Finale di salto in alto ai Mondiali 2015 di atletica leggera. Il primatista italiano non è limpidissimo sulla pedana di Pechino ma fa bene il suo e lo rivedremo in gara domenica pomeriggio, giornata conclusiva della rassegna iridata.

Il marchigiano cancella così la maledizione dell’Italia e conquista il primo atto conclusivo nei concorsi di questa spedizione iridata, anche se per fare punti dovrà poi entrare tra gli 8. Da terzo performer mondiale stagionale (2.37) si può attendere anche una medaglia, ma sarà tutt’altro che semplice. A lui il peso di salvare l’Italia (non per noi: questo Mondiale è ufficialmente disastroso), senza medaglie, con 10 eliminazioni su 12 al primo turno, solo 10 punti raccolti (e tutti dalla strada).

 

Oggi, infatti, Tamberi non è riuscito a superare quota 2.31 (che significava qualificazione diretta) ma il suo percorso netto (2.17, 2.22, 2.26, 2.29) gli ha permesso di essere tra i 14 che si daranno battaglia tra due giorni. Da segnalare anche il fortunato scavalcamento a 2.29 con l’asticella che batte a lungo sui ritti senza cadere: fosse caduta sarebbe stato a serio rischio eliminazione.

Marco Fassinotti non ci prova nemmeno. Troppo forte il dolore alla caviglia, come già si era percepito nei giorni scorsi, per tentare di saltare: addio sogni di gloria già nel riscaldamento. Un vero peccato considerando la stagione disputata.

 

Nessun problema per i big: il Campione del Mondo Bohdan Bondarenko e il primatista stagionale Mutaz Essa Barshim fanno 2.31 alla prima (un errore a 2.29 per entrambi). Percorso pulito fino a 2.31 anche per il canadese Derek Drouin e l’accredito cinese Guowei Zhang.

Norma di qualifica anche per il sorprendente australiano Brandon Starc (personale), per l’inatteso tedesco Eike Onnen e per il cipriota Dimitrios Chondrokoukis, 2.31 anche per il forte ceco Jaroslav Baba e per il compatto greco Konstandinos Baniotis.

Passano con 2.29 alla prima prova i bahamensi Trevor Barry e Donald Thomas, lo statunitense Erik Kynard che è tra i papabili per le medaglie, il russo Daniil Tsyplakov.

 

Lascia un commento

Top