Tour de France 2015, undicesima tappa: Pau/Cauterets-Vallèe de Saint-Savin, Froome imbattibile?

saintsavin.png

La città di Pau, tra gli appassionati di ciclismo, rimanda automaticamente ai Pirenei: come sede d’arrivo o di partenza di una tappa, il comune dell’Aquitania fa sempre da cornice a giornate decisive.

Anche nel 2015 il copione si ripete: l’undicesima frazione risulterà decisiva ai fini della classifica generale. Si passeranno montagne mitologiche come l’Aspin e soprattutto il Tourmalet, si arriverà su una salita morbida, quella di Vallèè de Saint-Savin, dove le gambe appesantite dalle ascese precedenti conteranno più di ogni altra cosa.

Pronti-via e da Pau si va verso Lourdes, città di fede e spiritualità, affrontando in successione tre Gran Premi della Montagna di terza e quarta categoria (Loucrop, Bagnères-de-Bigorre e Mauvezin), prima di affrontare, da Arreau, la salita dell’Aspin. Qui, dove la selezione italiana fu aggredita a sputi, spintoni e botte nel 1950 generando il ritiro di tutta la nazionale con Fiorenzo Magni in maglia gialla, 12 km al 6.5% attendono i corridori e faranno una prima selezione, anche se, visto il menù seguente, appare difficile immaginare un’azione da parte dei big in lotta per la maglia gialla. Siamo inoltre a ben 71 km dal traguardo (la tappa ne misura 188) e le difficoltà sono appena all’inizio, tant’è che di pianura non ce ne sarà praticamente più: scesi su Sainte-Marie-de-Campan, si risale immediatamente verso il terribile Tourmalet, che con i suoi 2115 metri di quota si guadagna come di consueto il titolo di souvenir Jacques Goddet.

Si tratta di 17 interminabili chilometri al 7.3%, anche se i primi 5000 metri di tornanti sono molti più blandi rispetto alla parte centrale e conclusiva, dove ci si arrampica frequentemente attorno al 9-10% (in particolare negli ultimi 7 chilometri). Farà male il Tourmalet, molto male: dopo la lunga e pericolosa discesa in valle, nuovamente naso all’insù per una salita che è una bazzecola in confronto a tale mostro sacro, ma potrebbe favorire i corridori più potenti, più esplosivi – qualora resistessero sin lì – , non necessariamente i grimpeur purissimi. Stiamo parlando del Cauterets il quale conduce al traguardo, scollinando poco prima di tre chilometri dalla linea bianca: 6.4 km al 5%, un terza categoria che merita ancora il titolo di côte e non quello di col. Un finale, dunque, capace di riservare sorprese.

Il terreno per attaccare c’è, ma Chris Froome sembra avere una condizione eccezionale in questa edizione e per gli avversari sarà durissima impensierirlo. Quintana, Van Garderen e Contador potrebbero lottare per il podio. In difficoltà ieri Vincenzo Nibali, la speranza è che possa crescere in vista dell’ultima settimana.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.it

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top