Tour de France 2015: l’Inferno delle Alpi prima di Parigi

Chris-Froome-FB-Team-Sky.jpg

Con il secondo e ultimo giorno di riposo in programma domani, il Tour de France 2015 si appresta a vivere la sua fase più calda. Se fino ad ora gli scontri diretti in salita tra i big non sono stati eccessivi, negli ultimi 4 giorni di corsa, cui va poi aggiunta la passerella fino ai Campi Elisi di Parigi, nessuno può nascondersi.

A partire da Chris Froome, che dopo la dimostrazione di forza sensazionale di La Pierre Saint Martin sembra essersi fermato. Da lì in avanti non ha mai staccato gli avversari, dando anche in qualche occasione l’impressione di faticare a seguire Nairo Quintana, l’avversario che incute più timore, quando la strada saliva. Il colombiano, che potrebbe aver pagato l’inizio di Tour, sembra salito di colpi, forse anche a causa di un piccolo calo dell’inglese. Nonostante i 3′ di ritardo in classifica generale e un Tour che sembra già scritto dalla decima tappa, la lotta per la maglia gialla è ancora aperta. Le salite, e non solo, per ribaltare la situazione ci sono, anche se a Froome basta difendersi senza forzare e esagerare per mantenere il tesoretto costruito fino a questo momento di gara.

Una sfida da trattenere il fiato, con l’incognita di Alberto Contador, he prima o poi proverà a fare qualcosa, e il sostegno di Alejandro Valverde per Quintana, con Van Garderen e Gesink a guardare per provare a sfruttare la situazione. Incognita, dopo la caduta di oggi, per Geraint Thomas: per quanto arrivato al traguardo senza particolari problemi, potrebbe patire la caduta (qui il video).

Ancora in lotta per le prime posizioni, e anche solo una settimana sembrava improbabile, Vincenzo Nibali potrebbe ancora sperare di entrare tra i migliori 5. La vittoria finale e il podio sembrano francamente lontane, ma per quanto visto negli ultimi giorni il Tour del siciliano potrebbe essere solo alle battute iniziali. Una vittoria di tappa, ora, sembra quantomeno realistica così come un piazzamento discreto in classifica generale. Date le premesse e le prime tappe di montagna, è più di quanto ci si potesse aspettare.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Pagina Facebook Team Sky

Tag

Lascia un commento

Top