Tour de France 2015: le pagelle della 17ma tappa. Numero di Geschke, Nibali ci prova

Vincenzo-Nibali-Tre-Valli-2014-©-Gianluca-Santo.png

Iniziano le Alpi, ci si avvicina sempre più al gran finale di questo Tour de France 2015. Simon Geschke si aggiudica la 17ma tappa, successiva al secondo giorno di riposo. Colpo di scena in chiave classifica generale: Tejay Van Garderen, terzo alla vigilia dell’arrivo di Pra Loup, si ritira per problemi fisici e dice addio al podio. Andiamo a vedere le pagelle di questa diciassettesima frazione.

Simon Geschke, voto 9: numero da fenomeno per il corridore tedesco. Il jolly delle Giant Alpecin entra nella fuga giusta e prova ad anticipare i compagni d’avventura (molto più abili di lui in salita) a 50 chilometri dal traguardo. Sembrava un’azione azzardata e invece… Un minuto e mezzo guadagnato e gestito al meglio tra salita e discesa: arriva il successo più importante della carriera.

Andrew Talansky, voto 8: dopo quello dell’anno scorso, sembrava essere un altro Tour de France davvero deludente per lo statunitense della Garmin Cannondale, che però riesce a riscattarsi con una prova d’orgoglio in questa 17ma tappa. Non segue Geschke, rimonta in discesa e giunge a 30” di ritardo: perso l’attimo giusto.

Rigoberto Uran, voto 7: così come al Giro d’Italia, partito con ambizioni di classifica, sta facendo vedere il suo valore a fine Tour con azioni da lontano. Terzo posto per lui.

Mathias Frank, voto 7: non una gamba eccezionale per lo svizzero, ma comunque grande acume tattico. Il capitano della IAM Cycling entra nella fuga giusta e guadagna minuti su minuti, rientrando così all’ottavo posto in classifica generale.

Chris Froome, voto 8: salita o discesa, per lui non fa differenza. Si limita, come nei giorni scorsi, a gestire la situazione, controllando al meglio gli attacchi. Le tappe di montagna passano, lui è sempre in testa: il secondo Tour de France è sempre più vicino.

Nairo Quintana e Alejandro Valverde, voto 7: secondo e terzo in classifica generale, con un gran vantaggio sui rivali. Il doppio podio può accontentare la Movistar, ma vista la classe dei due corridori citati, ci si sarebbe aspettato qualcosa in più per tentare di vincerlo questo Tour.

Vincenzo Nibali, voto 7,5: è rinato lo Squalo. Dopo due settimane di Tour nettamente sotto le aspettative, il vincitore della Grand Boucle dello scorso anno ci sta provando in tutti i modi a lasciare il segno e, magari, a conquistare un posto sul podio. Guadagna in classifica: siamo certi di rivederlo all’attacco nei prossimi giorni.

Alberto Contador, voto 5,5: attacco sconsiderato a 75 km dal traguardo per il Pistolero. Prova a partire addirittura sulla terzultima salita, ma non fa la differenze e, dunque, è costretto ad essere riassorbito dal gruppo. Poi cade in discesa e perde 2′. Tappa da dimenticare.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Lascia un commento

Top