Tour de France 2015: finalmente Bardet! Non cambia nulla in classifica

Romain_Bardet-Laurie-Beylier-CC-BY-SA-2.0.jpg

Tanto spettacolo, come di consueto in una delle tappone alpine del Tour de France, ma continuano a diminuire le opportunità per riuscir a ribaltare la classifica: Romain Bardet (AG2R)  si aggiudica la diciottesima tappa sul traguardo di St-Jean-de-Maurienne dopo una lunga fuga. Non cambia nulla invece in chiave Maglia Gialla: Chris Froome, non sembrato in formissima, è riuscito a difendersi alla grande.

Come di consueto, partenza a tutta, vista anche la presenza dell’ascesa del Col Bayard proprio sullo start. Vanno via subito ventinove uomini: Jakob Fuglsang (Astana), Romain Bardet, Jan Bakelants e Christophe Riblon (AG2R-La Mondiale), Thibaut Pinot (FDJ), Roman Kreuziger e Michael Rogers (Tinkoff-Saxo), Jonathan Castroviejo e Winner Anacona (Movistar), Damiano Caruso e Rohan Dennis (BMC), Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), Georg Preidler (Giant), Joaquim Rodriguez (Katusha), Michael Matthews e Simon Yates (Orica), Pierre Rolland, Cyril Gautier, Romain Sicard e Thomas Voeckler (Europcar), Julian Arredondo e Bob Jungels (Trek), Ruben Plaza (Lampre-Merida), Andrew Talansky, Ryder Hesjedal e Dan Martin (Cannondale-Garmin), Stef Clement (IAM), Jan Barta (Bora), Serge Pauwels (MTN-Qhubeka). Il gruppo però non ha lasciato spazio come ieri ed è rimasto vicino agli attaccanti, sempre a circa 5′ di ritardo.

Sulla salita più importante di giornata, il Col du Glandon, è successo di tutto sia davanti nella fuga, che nel gruppo dei migliori. Davanti ha scollinato in solitaria Romain Bardet, che ha fatto la differenza anche in discesa, mentre tra i big sono scattati in successione prima Alberto Contador, poi Vincenzo Nibali ed infine Nairo Quintana. Chris Froome è riuscito però a gestire lo stesso al meglio la situazione e a raggruppare tutti gli uomini di classifica al termine della discesa. Sulla spettacolare ascesa finale di Lacets de Montvernier, piena di tornanti, è proseguito lo spettacolo. Bardet ha gestito il suo vantaggio sui contrattaccanti, guidati da Pierre Rolland (secondo al traguardo). In gruppo hanno provato Nibali e Contador, senza però riuscire a staccare i rivali. Da sottolineare la top-10 del nostro Damiano Caruso (BMC), autore di una buona prestazione.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@olimpiazzurra.com

Foto:  Laurie Beylier Wikimedia

Tag

Lascia un commento

Top