Tour de France 2015: è tornato Chris, è tornato Froome

Chris-Froome-FB-Team-Sky.jpg

Son passati quasi due anni dalla scalata al Mont Ventoux del 2013, ultimo grande successo di Chris Froome. Oggi il keniano bianco è tornato a volare e a vincere nella competizione che più ama, accarezzata nel 2012 per poi vincerla, 12 mesi dopo, proprio in quel magico 2013.

Nel contempo il britannico del Team Sky è passato da vittorie, sconfitte e cadute. Tanto da far dubitare molti dell’effettivo spessore dell’atleta, che sembrava destinato a non tornare più sui livelli espressi 2 stagioni or sono. Ha sofferto alla Vuelta dello scorso anno, soffrendo da Alberto Contador dopo essersi ritirato dal Tour a causa di un doppio infortunio alle mani e ai polsi. Ancora un volta ha impostate la stagione sulla Grande Boucle, vincendo la Ruta del Sol e il Giro del Delfinato nel percorso di avvicinamento, ma arrendendosi ad avversari superiori al Giro di Romandia e nelle classiche di primavera e in particolar modo alla Freccia Vallone.

Quello che più stupisce, anche oggi, è la voglia di vincere. La grinta con cui mangia la strada e stringe il manubrio nelle tappe di salita, come spinga fino all’ultimo centimetro, quasi lanciando la bicicletta in un colpo di reni solitario per guadagnare tempo sui diretti inseguitori. Prima di un sorriso vero e sincero come pochi se ne vedono al termine di una corsa, la faccia che sembra quasi troppo bianca che tradisce l’emozione di un bambino che si vede nuovamente sul tetto del suo mondo.

Gli avversari sembrano in ginocchio dopo sole 10 tappe e Froomey sembra più padrone che mai della corsa, con possibilità di esagerare nelle prossime tappe nonostante abbia già 3′ di vantaggio su tutti. E per favore, nonostante la testa ciondolante e i gomiti larghi rendiamo omaggio al più forte corridore da grandi giri che abbiamo conosciuto negli ultimi 4 anni, senza scadere in sterili polemiche.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Lascia un commento

Top