Nuoto, Universiadi 2015: Di Liddo-Belotti a medaglia, super Codia nei 100 farfalla

Piero-Codia-nuoto-foto-fin-deepbluemedia.jpg

L’Italia universitaria si diverte, piace e convince a Gwangju. Detto dello strepitoso record italiano di Andrea Toniato nelle batterie dei 50 rana (27”06, terzo miglior crono mondiale del 2015 dietro a Peaty e Van Der Burgh) che fa sognare verso Kazan anche in ottica staffette, nel pomeriggio sudcoreano dedicato a semifinali e finali c’è da registrare un super Piero Codia nei 100 farfalla. L’azzurro fa concorrenza a Matteo Rivolta, anch’egli ritrovato nella gara di cui detiene il primato nazionale (51”64 a Barcellona 2013) e fresco di 51”92 della Swimming Cup di Torino, e vola con il 51”75 realizzato in semifinale che varrebbe la finale mondiale. Al momento è infatti il settimo tempo più veloce dell’anno.

Intanto aumenta anche il bottino in fatto di medaglie. Elena Di Liddo e Marco Belotti salgono sul podio rispettivamente nei 100 farfalla (argento in 58”29) e nei 100 stile libero (bronzo, 49”43). A imporsi sono la cinese Ying Lu (57”83) e il brasiliano Martins De Souza (48”98), ma gli azzurri non sono distanti e, soprattutto, portano a sette (1-3-3) il numero di gioie della spedizione italiana. Numero che può aumentare ulteriormente da qui a venerdì, ultima giornata di gare: accedono alle finali di domani Christopher Ciccarese e Giorgio Gaetan nei 200 dorso (1’57”79 e 2’00″09), Martina De Memme nei 200 stile libero (2’00”11), Arianna Barbieri nei 50 dorso (28”55) e proprio lo stesso Codia, autore del miglior tempo di ingresso.

Nell’ultima gara della serata torna in vasca Andrea Toniato, che nella notte italiana aveva illuminato il panorama delle Universiadi con un 50 rana da record. L’azzurro non si ripete, ma è pure lui comodamente all’atto conclusivo: il 27”35 della semifinale è nuotato quasi in scioltezza e lo conferma in pole position per la medaglia d’oro. Poi si penserà a Kazan, dove con queste basi si può fare più che bene. Infine Francesca Fangio è quinta nei 200 rana (2’28”18) vinti dalla giapponese Keiko Fukudome in 2’24”92.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Fin/DeepBlueMedia

Tag

Lascia un commento

Top