Nuoto, Mondiali Kazan 2015: subito la staffetta veloce per l’Italia

Marco-Orsi-2-nuoto-foto-pagina-fb-swimmeeting-bolzano.jpg

L’evento più atteso dell’anno acquatico si avvicina. Domenica 2 agosto partiranno i Mondiali 2015 di nuoto in corsia, otto giorni da vivere intensamente fino alla settimana successiva e che possono regalare gioie ai colori azzurri. L’Italia ha le possibilità per riscattare le ultime uscite internazionali che hanno visto zero medaglie a Londra 2012 e due (ma senza ori) a Barcellona 2015. Adesso, nell’antipasto di Rio 2016, la squadra guidata dal dt Cesare Butini può aumentare il bottino. E una delle carte verrà giocata proprio nella giornata inaugurale.

100 farfalla F – Ilaria Bianchi e Elena Di Liddo (da valutare dopo una scivolata in motorino) le speranze azzurre di finale, Sarah Sjoestroem la super favorita pure in odore di record del mondo dopo il 56”04 del Settecolli. Ma c’è la danese Jeanette Ottesen, fino all’ultimo in forse dopo un’aggressione stradale.

400 stile libero M – L’australiano Mack Horton fa le prove generali per le distanze più lunghe, il cinese Sun Yang torna con una forma fisica e mentale tutta da scoprire dopo la squalifica per doping. Per l’Italia l’enigmatico Andrea Mitchell D’Arrigo, argento europeo nel 2014 ma poco brillante quest’anno, e Gregorio Paltrinieri, in totale allenamento in vista di 800 e 1500 sl. Sulla carta Mitch vale la finale.

200 misti F – Iron Lady Katinka Hosszu è iscritta a ben sette gare individuali. Non si sa se punti al record di medaglie o a qualche oro, ma questa è una grande opportunità di successo. Sfiderà soprattutto la britannica Siobhan Marie O’Connor e la cinese Ye Shiwen, esplosa a Londra 2012. Non ci sono azzurre iscritte.

50 farfalla M – C’è Florent Manadou: il francese ha rinunciato ai 100 stile libero e ai 50 dorso per la doppietta veloce farfalla-sl, a cui per altro punta anche il brasiliano Cesar Cielo Filho. Ci saranno fuochi d’artificio, per l’Italia difficile ma non impossibile un posto tra i migliori otto con Piero Codia al via.

400 stile libero F – Show di Katie Ledecky? Molto probabile: la baby statunitense punta al tris 400-800-1500 e sogna il colpaccio anche nei 200. E’ una macchina da guerra e sa come vincere. Diletta Carli e Alice Mizzau quest’anno hanno nuotato ad altissimi livelli: la doppia finale sarebbe un grandissimo risultato.

100 rana M Orfani di Fabio Scozzoli, gli azzurri schierano Lorenzo Antonelli, alle prove generali soprattutto in vista della staffetta. Il favorito d’obbligo è il britannico Adam Peaty, autore del record del mondo in primavera: un 57”92 che può addirittura essere migliorato.

4×100 sl F – Australia, Olanda e Usa pronte a darsi battaglia per l’oro e il podio, l’Italia a caccia di un posto tra le prime dodici per qualificarsi alle Olimpiadi.

4×100 sl M – La vera grande occasione della giornata d’apertura. L’infortunio di James Magnussen ha aperto scenari interessanti e anche la Francia, senza Yannick Agnel, pare alla portata. Marco Orsi, Luca Dotto, Filippo Magnini e Michele Santucci hanno la possibilità della vita: il bronzo non è distante. Servirà una prova monumentale, ma sognare è lecito.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter
Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook Swimmeeting Alto Adige

Lascia un commento

Top