Golf, Scottish Open: Brooks resiste al comando, cambia la Top 10. Un brillante Paratore è 18^

10425496_866367333395676_9134319621727861562_n.jpg

Nel gergo golfistico il terzo round non viene chiamato ‘Moving Day’ a caso. E la classifica dello Scottish Open (montepremi £ 3.250.000), difatti, è stato completamente rivoluzionata nella giornata odierna, con una Top10 rivoltata come un calzino ad eccezione, tuttavia, della prima posizione. In vetta, nonostante i grandi cambiamenti, c’è sempre un solidissimo Daniel Brooks, che si difende egregiamente con un -1 e resta al comando con -12 (198 – 64 65 69) a Gullane.

L’inglese aveva cominciato malissimo con un doppio bogey, per poi risollevarsi con quattro birdie intervallati da un solo bogey. Domani, tuttavia, si prospetta una giornata infernale per il britannico, chiamato a rispondere ai probabili attacchi di un redivivo Raphael Jacquelin, secondo a -11 (199 – 68 67 64) dopo un gran -6 (miglior punteggio del round), ma soprattutto del terzetto provvisoriamente in terza posizione. Con -10 (200), infatti, proveranno a conquistare il torneo (l’ultimo prima dell’Open Championship) Joost Luiten, Tommy Fleetwood e Rickie Fowler, i pericoli principali per Brooks. L’olandese e lo statunitense, n°9 al mondo, hanno messo a segno un -4, mentre all’inglese è bastato un -3.

In corsa per il titolo anche un altro grande nome come Matt Kuchar, sesto con -9 a pari merito con lo scozzese (il primo tra i padroni di casa) Russell Knox e con l’inglese Eddie Pepperell. Scivola in nona posizione, invece, Ryan Palmer, dove viene raggiunto dall’estro di Miguel Angel Jimenez (-8).

Sorride anche l’Italia con i due superstiti del taglio. Renato Paratore è protagonista di una gran giornata con un bel -4 (66) e vola in 18esima posizione, a -6 (204 – 70 68 66), una buona piattaforma per ripetere anche nelle ultime 18 buche la prestazione odierna. Il romano ha spiccato il volo nelle ultime buche, con tre birdie consecutivi tra la 15 e la 17, dopo due birdie ed un bogey (l’unico) nelle prime nove. A pari merito con il romano si trovano anche Graeme McDowell e Justin Rose, scivolati con un +2.

Prestazione positiva anche per Marco Crespi, salito in 30esima posizione a -5 (205 – 69 68 68) con un buon -2. Il lissonese mette a segno tre birdie ed un bogey arrivato proprio all’ultima buca.

Non brilla invece Phil Mickelson, pari al Par in 57esima posizione (-3).

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla pagina dedicata al golf!
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@oasport.it

Credit Federgolf

Lascia un commento

Top