Gazzetta – Nuoto, Mondiali Kazan 2015: sarà Dotto a nuotare i 100 stile libero

Luca-Dotto-nuoto-facebook.jpg

I commissari tecnici hanno sempre la discrezione e i poteri per cambiare le scelte della Nazionale, anche a poca distanza temporale dagli eventi per cui si lavora. E’ successo settimana scorsa nei tuffi, con Giorgio Cagnotto che ha virato su Andrea Chiarabini-Giovanni Tocci per il sincro 3 metri al posto di Michele Benedetti-Tommaso Rinaldi, ed è successo oggi nel nuoto.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport. Cesare Butini ha sciolto in extremis il nodo riguardante il secondo velocista per i 100 stile libero: sarà Luca Dotto a fare coppia con il qualificato Marco Orsi. Niente da fare, dunque, per Filippo Magnini, che a questo punto non dovrebbe partecipare neanche ai 200 sl e, dunque, trascinerà la squadra da capitano solo nelle staffette.

Voglio dare un po’ di credito a Dotto che è più giovane – le parole del ct riportata dalla Rosea – e ho fatto solo una valutazione tecnica e non contro qualcuno: nel ranking mondiale, è Dotto il miglior italiano con 48″40 (realizzato in apertura di staffetta, ndr), anche davanti a Orsi. A volte si possono fare scelte impopolari, escludevano anche Baggio“. Questa la replica di Magnini: “Sono molto sorpreso della scelta del c.t. di non farmi disputare i 100 sl individuali, tramuterò la mia delusione in energia positiva per affrontare al meglio il mio Mondiale e cercare di fare grandi prestazioni nelle staffette per me, per i miei compagni, per il mio staff e per i miei tifosi, come fa un vero professionista“. Matteo Giunta, il cugino che oltre a lui allena pure Federica Pellegrini e Gianluca Maglia, ha aggiunto: “Accetto la decisione, ma non la condivido“.

Secondo il regolamento federale, Marco Orsi aveva strappato il pass già agli Assoluti di Riccione nuotando nell’individuale 48”50 con limite fissato a 48”6. Il crono di Dotto non contava perché realizzato in staffetta e i due “rivali” nella finale dei 100 stile libero avevano nuotato rispettivamente in 49”04 (Dotto) e 48”79 (Magnini). Per ottenere la seconda qualificazione aritmetica uno dei due sarebbe dovuto scendere sotto 48”3 nelle successive gare della stagione e ciò non è accaduto, lasciando appunto l’ultima parola alle idee del ct Cesare Butini.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Luca Dotto

Lascia un commento

Top