Volley, Grand Prix – Final Six: Italia sconfitta al debutto. La Russia ci punisce, sciupati troppi set-point

NataliyaGoncharovaofRussiahitstheballpastIndreSorokaiteandCristinaChirchellaofItalyduringgameactionoftheFIVBGrandPrixattheCenturyLinkCenterinOmahaNebraskaUSAJuly222015.jpg

E


Inizia male la Final Six del Grand Prix per l’Italia. Ad Omaha (USA) la nostra Nazionale di volley femminile è stata sconfitta dalla Russia per 3-0 (26-24; 28-26; 25-19) al termine di un incontro in cui si sono buttate via delle ghiotte occasioni per tenere aperto il punteggio. Non riesce così il tentativo di uno sgambetto alle big e la rincorsa al podio finale appare più difficile.

Domani notte (ore 03.05 italiane) si ritornerà in campo per sfidare le padrone di case, tra le favorite per il successo finale.

 

L’Italia ha peccato al servizio dove non ha mai picchiato e dove è sempre andata sul semplice, facilitando notevolmente il gioco delle ragazze di Marichev, capaci di costruire delle trame lineari ed efficaci. È saltata fuori anche la mancanza di esperienza, tipica di una squadra composta da molte giovane che disputano la prima Final Six della loro carriera. Troppi anche gli errori (21). Si sono avuti due set-point consecutivi nel primo set e altri due (non filati) nel secondo: tutti annullati e addio sogni.

Bonitta ha rivoluzionato il sestetto, partendo con due opposti: Valentina Diouf e Indre Sorokaite insieme in campo. Ricezione così sulle spalle della schiacciatrice Tirozzi e del libero De Gennaro, Malinov in cabina di regia, Guiggi e Chirichella al centro.

Diouf top scorer con 17 punti, 10 a testa per Chirichella e Sorokaite. Ci punisce una vertiginosa Nataliya Goncharova da 28 punti.

 

Nel primo set le azzurre sono volate sul 24-22 dopo aver dominato largamente il parziale. La Russia, però, sfrutta tutte le nostre incertezze e ci rifila quattro punti consecutivi.

Nel secondo set battaglia tra Diouf e Goncharova, le ragazze di Bonitta arrivano per prime alla palla-set, hanno addirittura due chances e poi soccombono.

Avanti 2-0 in questo modo la Russia non ha particolari difficoltà a controllare la terza frazione in lungo e in larga.

 

(foto FIVB)

Tag

Lascia un commento

Top