F1, GP Gran Bretagna 2015: le pagelle

Massa-Williams-FOTOCATTAGNI.jpg

Un Gran Premio di Gran Bretagna davvero sorprendente quello andato in scena nella giornata di ieri. Dopo le qualifiche del sabato, nelle quali le due Mercedes avevano dato l’impressione di non avere avversari, una straordinaria partenza delle Williams ha messo in discussione la leadership del GP, costringendo le frecce d’argento ad inseguire per lunghi tratti della gara. Solo la pioggia nel finale ha scombussolato la classifica, avvantaggiando la Ferrari di Sebastian Vettel e costringendo Felipe Massa e Valtteri Bottas ad ottenere un risultato nettamente inferiore a ciò che avevano mostrato in pista.

LE PAGELLE: 

Lewis Hamilton, 9,5: mezzo voto in meno per l’ennesima partenza sbagliata. Già durante il giro di ricognizione lamentava alla propria squadra problemi di gomme nel far partire la vettura, ma il modo in cui viene surclassato da Massa è fin troppo evidente. Bravissimo a non mollare nella prima parte di gara e a spingere al massimo quando Massa rientra ai box per il cambio gomme. Impeccabile poi sul finale quando, da solo, prende la decisione che gli consegna la vittoria. Completo.

Nico Rosberg, 7: è vero, è secondo dietro il suo compagno di squadra, ma deve soltanto ringraziare il capriccioso meteo inglese. Se non avesse piovuto, così come ci si aspettava in sede di partenza, il tedesco non sarebbe probabilmente salito sul podio, vista l’enorma difficoltà nell’avvicinare la Williams di Valtteri Bottas. Sul finale, in condizioni meteo difficili, la sua Mercedes è troppo superiore alle altre macchine in pista, e lui si scatena avvicinando anche pericolosamente Hamilton, il quale però lo controlla senza difficoltà.

Felipe Massa, 8: non è certo colpa sua se la Williams non è competitiva in una gara bagnata. Parte divinamente, prende la testa della corsa e la lascia solo causa il pit stop. Riprende con un ritmo straordinario e il suo secondo posto sembra al sicuro fino ad una decina di tornate dalla conclusione quando, iniziando a piovere, di fatto si conclude la sua gara. Passato prima da Rosberg e poi da Vettel deve accontentarsi della quarta posizione. Risultato altamente ingiusto.

Sebastian Vettel, 7,5: trova un podio davvero insperato con una Ferrari a dir poco in difficoltà. Alla partenza viene saltato da Hulkenberg e da Kvyat, e dopo pochi giri anche Perez mette la sua vettura davanti alla Rossa del tedesco. Lui però non molla, cambia tattica e quando si accorge che le condizioni meteo stanno cambiando, indovina il momento giusto per rientrare ai box, beffando entrambe le Williams e agguantando il terzo gradino del podio. Weekend difficile, ma fortunato.

Valtteri Bottas, 7,5: le voci che lo vogliono alla Ferrari nel 2016 sembrano gasarlo e non poco. Parte anche lui a razzo e si mette in terza posizione dietro Massa ed Hamilton. Dopo un incidente e l’utilizzo della Virtual Safety Car Hamilton commette un errore e il finlandese lo infila. Potrebbe superare Massa e provare ad andarsene per una storica vittoria Williams in Gran Bretagna, ma il team non glielo permette. Come per Massa l’acqua lo danneggia, e il quinto posto al traguardo sembra davvero essere una grande beffa.

Kimi Raikkonen, 5,5: in qualifica meglio di Vettel, per grande parte della gara, meglio di Vettel. E’ il finlandese, delle due Ferrari ad avere il ritmo migliore nella prima parte di Gran Premio. Purtroppo per lui, l’errore è sempre dietro l’angolo. A differenza del suo compagno infatti, sbaglia nettamente il momento in cui rientrare ai box per montare le gomme intermedie, buttando tutto ciò che di buono era stato fatto fino a quel momento e soprattutto la possibilità di giocarsi il podio con gli altri piloti. Sembra allontanarsi ogni giorno di più la possibilità che resti alla Ferrari anche il prossimo anno.

Daniil Kvyat, 7,5: altra straordinaria prestazione del nuovo pilota Red Bull. In una stagione nella quale il suo compagno Ricciardo grande protagonista dello scorso anno, sta faticando in maniera vistosa, il talento russo, dimostra ancora una volta di essere velocissimo, disturbando nel corso di tutto il Gran Premio i top rider del Mondiale. Migliora di prestazione in prestazione e sembra poter diventare uno degli assoluti protagonisti del circus nel corso dei prossimi anni.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

enrico.giorgi@oasport.it

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top