Calcio Femminile: il Riviera di Romagna tra propositi di Serie A e sviluppo di Academy

11215880_781519218630833_8393944072524594873_n.jpg

Parliamo di una delle squadre che nel corso del campionato di Serie A di calcio femminile, aveva maggiormente impressionato, salvo poi essere coinvolta nello spareggio play-out con il S.Zaccaria e risultare sconfitta. Ci riferiamo al Riviera di Romagna che per bocca del suo presidente Dario Fantini è ancora convinto di poter partecipare alla massima serie affermando che: “Si riparte dopo aver digerito molto a fatica l’esito del campionato passato – chiarisce il presidente Fantini – difficile da metabolizzare al termine di una stagione sicuramente complicata, ma comunque chiusa con 35 punti, 7 in più rispetto alle nostre rivali, battute in entrambe le sfide di campionato. Faremo domanda per rimanere in serie A e, con le norme stabilite dalla Commissione dei Ripescaggi uscite su uno degli ultimi Comunicati Ufficiali, siamo ovviamente la prima formazione in graduatoria. E vista la situazione a livello generale ci sono delle opportunità concrete di tornare nella massima serie”.

Un altro aspetto importante evidenziato da Fantini è l’intenzione di promuovere un progetto atto a formare delle giovani giocatrici ed inserirlo nel contesto della prima squadra: “Partiremo con un nuovo progetto, di sviluppo di un settore giovanile ed indirizzato anche alla prima squadra, che si può sintetizzare in tre parole ‘Dare Una Opportunità’. Il progetto nasce dalle frequenti riunioni in Federcalcio, dal continuo confronto con chi conosce il calcio ai massimi livelli e da una esigenza espressa più volte anche dai tecnici delle Nazionali. Il concetto di base è che in Italia esistono tanti talenti. Spesso però giocatrici potenzialmente di valore non hanno la possibilità di mettere in mostra le proprie capacità, perché non riescono ad allenarsi con costanza o magari perché non hanno uno staff che possa seguirle con continuità. Quindi ci stiamo muovendo, partendo dalla nostra regione per arrivare anche alle regioni limitrofe per contattare alcune ragazze promettenti, che non hanno ancora avuto l’opportunità di arrivare a lottare per obiettivi importanti. La nostra intenzione è quella di creare una sorta di Accademia coinvolgendo dei ‘docenti’ che potranno insegnare il calcio a queste giocatrici, delle vere e proprie lezioni tecniche con allenatori professionisti (peraltro l’idea si è sviluppato proprio a seguito di un incontro con l’amico Renzo Ulivieri, presidente della Associazione Allenatori, Docente a Coverciano, nonché tecnico della Scalese), e allo stesso modo ci saranno ex giocatori di serie A che periodicamente terranno delle lezioni e faranno degli allenamenti specifici ai diversi reparti. Queste ragazze verranno prima convocate per una sorta di raduno per cercare di valorizzarle e capire quante di queste abbiano le potenzialità per fare il grande salto e magari un giorno arrivare anche a vestire la maglia azzurra: un progetto ambizioso, condiviso con i vertici del calcio italiano, perché in questi ultimi anni ci sono stati tanti esempi di giocatrici italiane andate a giocare in campionati esteri, anche in squadre di grande blasone, che dopo un primo periodo di adattamento hanno dimostrato di essere assolutamente all’altezza, scendendo in campo con continuità”. (fonte intervista pagina FB Riviera di Romagna calcio femminile).

Una notizia, pertanto, da accogliere con il sorriso che si aggiunge alla recente riforma, secondo la quale, a partire dal prossimo anno le società maschili di Serie A e di Serie B (e fra due anni – stagione 2016/17 anche le squadre di Lega Pro) dovranno avere obbligatoriamente una squadra femminile Under 12 di almeno 20 tesserate. Nel secondo anno dovranno raddoppiare il numero delle tesserate Under 12 (quindi 40). Dalla stagione 2017/18 dovranno avere una squadra giovanissime per poi avere l’obbligo di creare una squadra allieve per l’ulteriore stagione successiva. (2018/19). E’ vero, c’è ancora molto da fare, tuttavia i primi segnali cominciano a vedersi ed è d’obbligo dare continuità per la valorizzazione di un movimento troppo tempo ignorato.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: pagina FB Riviera di Romagna calcio femminile

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top