Volley, World League – Italia, le difficoltà: infortuni, maturità, cambi di ruolo, troppi sestetti e…

Simone-Giannelli.jpg

La stagione non è certo iniziata nel migliore dei modi per l’Italia. La disfatta contro l’Australia a Jesolo, il ko in gara1 contro la Serbia, un gioco ancora poco fluido, difficoltà generali e un gruppo che forse ha ancora qualche ruggine del disastroso Mondiale.

I primi infortuni si fanno sentire, il reparto dei centrali sembra corto tutto d’un tratto, la maturità stoppa Giannelli proprio sul più bello, Lanza è da usare attentamente, Zaytsev si sta cimentando in un ruolo nuovo.

Sei sestetti titolari diversi in sei partite forse sono stati davvero troppi. Di difficile spiegazione anche il cambio di capitano (da Birarelli a Travica, ma entrambi out nella gara2 vinta contro i volleyroos).

Ora il Brasile sbarca in Italia per due sfide di estremo fascino e molto sentite. Venerdì il Foro Italico all’aperto: sold out, 10000 spettatori per sognare sotto le stelle della capitana dopo l’esperimento riuscito contro la Polonia. Domenica l’altro pienone al Forum di Firenze. La Nazionale è amatissima, sperando che presto trovi la quadratura del cerchio.

Analizziamo la situazione complessa dei vari uomini e dei loro “problemi”.

 

MATTEO PIANO – Operato il 28 maggio. Intervento: foraminotomia decompressiva sul lato di sinistra atta a liberare il nervo sciatico sinistro che interessava una sciatalgia della gamba dell’atleta. Tempi di recupero: 30/45 giorni.

SIMONE BUTI – In recupero dagli acciacchi di una lunga stagione con la casacca di Perugia. Lo rivedremo presto.

AIMONE ALLETTI – Dovrà saltare le partite col Brasile per motivi personali: il padre non sta bene fisicamente. Giustificatissima la sua assenza! Un grossissimo in bocca al lupo.

 

SIMONE GIANNELLI – Gli Esami di Maturità in mezzo a un momento fantastico, dopo la prima da titolare in maglia azzurra. Liceo Scientifico Sportivo l’indirizzo scelto dal nostro palleggiatore. Questo il suo planning di lavoro: mercoledì 17 giugno il tema di italiano (la sua materia preferita), giovedì 18 giugno la seconda prova di matematica (la teme tantissimo!), poi weekend di ripasso mentre i compagni sfideranno il Brasile perché lunedì 22 giugno c’è la terza prova (domande su tutte le altre materie). A quel punto mancherà solo la prova orale (data ancora da definire).

MICHELE BARANOWICZ – Out per scelta tecnica di Mauro Berruto: “Non volevo creare problemi nel ruolo di palleggiatore” fu la spiegazione del CT torinese che tanto fece discutere.

 

SIMONE PARODI – Operato il 28 maggio. Intervento: pulizia della cartilagine articolare del ginocchio destro. Tempi di recupero: non comunicati, ma attorno ai 40 giorni.

FILIPPO LANZA – Attenzione a qualche problemino fisico. Ha dovuto saltare le partite casalinghe con l’Australia, ma è nel gruppo che affronterà il Brasile. Dobbiamo recuperarlo al top, è troppo importante.

IVAN ZAYTSEV – La condizione fisica sta arrivando piano piano, dopo una stagione difficilissima che ha fatto seguito all’infortunio patito al Mondiale. Ha cambiato il ruolo e da opposto si è trasferito in posto 4. Si sta arrabbiando molto con se stesso: “mi arrabbio a fare cose che non so fare”. Ci piace questa autocritica, è l’atteggiamento giusto: deve stringere i denti per il gruppo!

 

Juantorena sarebbe servito come il pane. La Pantera ha smaltito il suo infortunio di fine stagione: vogliamo i suoi artigli in Coppa del Mondo! Per l’appuntamento clou della stagione servirà la migliore Italia con tutti i suoi uomini!

Lascia un commento

Top