Tennis, Wimbledon2015: dove arriverà il dominio di Serena Williams?

tennis-serena-williams-wimbledon-federtennis-tonelli.jpg

Siamo ormai alle porte dell’edizione numero 129 del torneo di Wimbledon, il più importante torneo sull’erba della stagione. Dal Grande Slam londinese ci si aspettano grandi sorprese come ogni anno e qualche cambio di posizione nel ranking, soprattutto in quello WTA.

 La favorita d’obbligo è senza dubbio la statunitense Serena Williams, dominatrice della stagione in virtù anche dei successi agli Australian Open lo scorso gennaio ed al Roland Garros di appena diciassette giorni fa. La numero 1 al mondo arriva da un periodo di allenamenti dopo il torneo parigino in cui non ha disputato tornei ma ha avuto modo di concentrarsi al meglio in vista di questo appuntamento. La 34enne di Saginaw è dunque a caccia di quello che sarebbe lo Slam numero ventuno in carriera, il sesto sigillo a Wimbledon… Ma le avversarie non mancano.

Come ad esempio la ceca Petra Kvitova. Fu infatti lei, appena un anno fa, ad alzare il trofeo all’All England Lawn Tennis and Croquet Clab sconfiggendo in finale la canadese Eugenie Bouchard. C’è da considerare però che nel 2015 la 25enne mancina non ha una buona confidenza con i grandi tornei del circus. E’ infatti uscita di scena al terzo turno degli Australian Open e agli ottavi al Roland Garros. Arriva a Londra sì da campione uscente, ma con un dolore alla gola che le ha fatto saltare il torneo WTA di Easbourne, l’ultimo prima di Wimbledon.

Ma tutti sappiamo che Londra è anche terra di storia e di imprese. Come quella di Maria Sharapova, regina del torneo inglese nel 2004 ad appena 17 anni. Centotrentadue mesi dopo la bella russa si veste di bianco da numero 4 del mondo, con l’esperienza e la grinta giuste per poter affrontare da protagonista un torneo lungo e difficile come quello di Wimbledon.

Grandi motivazioni potrebbe trovarle anche Victoria Azarenka, reduce da buoni risultati soprattutto sull’erba, terreno congeniale alla bielorussa che però a Wimbledon non trova la semifinale dal lontano 2012.

Un’altra tennista che esprime un gran gioco sull’erba è la rumena Simona Halep, semifinalista nel 2014 e possibile rivelazione del torneo.

Tra le italiane fari puntati su Sara Errani, numero 19 del ranking WTA, ma da sempre allergica all’erba, e soprattutto su Camila Giorgi, possibile grande rivelazione della manifestazione. La 23enne maceratese sta dimostrando infatti di essere in gran forma grazie soprattutto al suo primo successo in carriera, ottenuto proprio sull’erba nel torneo olandese di Hertogenbosch e possiede ora la maturità necessaria per poter stupire anche a livello di un Grande Slam.

Foto:Federtennis-Tonelli

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianni.lombardi@oasport.it

Lascia un commento

Top