Serie A, Playoff 2015: Sassari, meravigliosa impresa a Milano! La Dinamo in finale all’overtime

11037826_923601337692591_6053149632757380725_n-1.jpg

La Dinamo Sassari riscrive la storia e vola per la prima volta in finale scudetto, al termine di una gara-7 rocambolesca e al cardiopalma come del resto tutta la serie. Milano cede di fronte ad un Forum pronto a festeggiare la rimonta ma costretto ad abdicare di fronte ad un’impresa straordinaria da parte del Banco di Sardegna, che prima agguanta sulla sirena l’Emporio Armani e poi mette la freccia all’overtime grazie ad un immenso David Logan. Finisce 81-89.

Come non accaduto nelle ultime apparizioni, l’Olimpia attacca con decisione fin da subito e mette subito le cose in chiaro, trascinato da un Forum di Assago davvero caldissimo. E da due giocatori in particolare, Samardo Samuels e Joe Ragland: il primo è il solito fattore sotto i tabelloni, nonostante uno Shane Lawal altrettanto in palla, mentre il secondo conferma il buon momento dopo gara-6 e piazza tre triple già nei primi dieci minuti. Dei 25 punti milanesi del primo quarto, 21 provengono proprio dal centro e dal play. Sassari, dal canto suo, arranca non poco e va sotto di 11. La musica, però, cambia completamente nel secondo quarto e soprattutto con l’ingresso di Rakim Sanders tra gli ospiti. Sassari, dal 29-20, piazza un break di 0-12 con lo statunitense grande protagonista sia in attacco che in difesa e passa in vantaggio 29-32. Milano non ha momentaneamente il miglior Gentile e viene tenuta viva da un buon MarShon Brooks, che contribuisce a mantenere l’Emporio Armani a galla e in svantaggio di soli due punti al termine del primo tempo (35-37).

Milano ci mette la giusta intensità ad inizio terzo quarto, ma non l’adeguata precisione (e Gentile continua a non entrare in partita) e nei primi due minuti è solo Sassari a trovare la retina, con due triple di Dyson e Sanders per il +8 Dinamo. Le risposte dei menegini, però, non tardano ad arrivare e portano la firma di Ragland e Moss, che evitano la fuga sarda e mantengono a contatto le Red Shoes. Il Banco di Sardegna, intanto, continua a trovare varchi nella difesa dell’EA7, che si aggrappa ad un Samuels incontenibile in fase offensiva e ai tiri liberi, che nel conto di Sassari restano incredibilmente a zero quasi per trenta minuti. L’Olimpia, intanto, cresce anche dietro e negli ultimi minuti rimette il naso davanti con i primi punti del rientrante Hackett. E’ ancora un grande Ragland, dopo una bomba di Dyson, a chiudere il quarto con una grande penetrazione per il +4 (59-55).

Dyson si prende tutta la scena, invece, all’inizio degli ultimi dieci minuti: due giochi da tre punti dello statunitense riportano Sassari avanti, ma Samuels replica per le rime e sfonda quota 20 punti. Il botta e risposta tra le due squadre continua, Shane Lawal domina letteralmente a rimbalzo e maschera gli errori dei suoi compagni di squadra al tiro, mentre Gentile mette quattro punti in fila e arriva in doppia cifra nonostante una serata poco brillante, portando comunque i suoi stabilmente in vantaggio di almeno un possesso. Lo strapotere di Lawal sotto i tabelloni è totale (saranno 20 alla fine), ma la Dinamo è sempre costretta ad inseguire: Jeff Brooks porta i suoi  sul -1 (73-72), ma a prevalere sono stanchezza ed errori ambedue le parti. Nell’ultimo minuto il tabellino continua a non muoveri, Sanders ci prova da distanza siderale a 30″ dalla sirena ma non trova il canestro. Sul ribaltamento di fronte, la grinta di Cerella si guadagna un fallo fondamentale a 9″ e mette dentro i due liberi. 75-72. Dyson viene mandato in lunetta, il play sardo mette il primo ma sbaglia il secondo, nella lotta al rimbalzo la spunta ancora Sassari e Sanders allo scadere manda ai supplementari la sfida sul 75-75.

Logan piazza subito una pesante tripla ad inzio overtime, Milano si rende pericolosa ma sia Hackett che Samuels fanno 1/2 con i liberi e non pareggiano il conto. Il play italiano, però, qualche attimo dopo torna dalla lunetta e piazza il sorpasso sul 79-78. Logan risponde pan per focaccia e, allo scoccare dell’ultimo minuto, lo statunitense firma con una prepotente accelerazione il +3. Gentile prova a prendersi la squadra sulle spalle, ma senza successo e l’Olimpia torna sotto soltanto a cronometro fermo con Moss (81-82). Dyson allunga ancora, Gentile tenta la tipla della disperazione ma non va. Sacchetti suggella la vittoria con due liberi (81-86) e mette la parola fine al match. In finale ci va Sassari.

Milano – Sassari 81-86 (25-14; 35-37; 59-55; 75-75)

Tabellino

Milano: Samuels 24, Melli 2, Moss 5, Gentile 10, Ragland 16, Hackett 8, M.Brooks 4, Elegar 2, Cerella 4, Kleiza, Tabu, Gigli

Sassari: Lawal 12, Devecchi 0, J. Brooks 9, Dyson 20, Logan 16, Sosa 5, Sacchetti 4, Sanders 14, Kadji 3, Formenti 0, Vanuzzo, Chessa

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

daniele.pansardi@oasport.it

Lascia un commento

Top