Scherma, Europei Montreux 2015: spadiste di bronzo. Quinti i fiorettisti

Spadiste-Italia-scherma-augusto-bizzi-federscherma.jpg

Dopo l’argento di Rossella Fiamingo nell’individuale, arriva un’altra medaglia per la spada femminile italiana agli Europei di scherma 2015 a Montreux (Svizzera). Le azzurre sono giunte terze nella prova a squadre, bissando il bronzo conquistato nell’edizione del 2014. L’Italia sale ad otto podi complessivi nel medagliere.

La compagine formata da Bianca Del Carretto, Mara Navarria, Rossella Fiamingo e Francesca Quondamcarlo scendeva in pedana direttamente ai quarti di finale, essendo ‘esentata’ dal primo turno in quanto testa di serie numero uno. Un debutto agevole per le rappresentanti del Bel Paese, che piegavano in scioltezza l’Ungheria 45-28. La corsa dell’Italia si fermava poi in semifinale al cospetto dell’ostica Estonia (già vincitrice della corona europa nel 2013) per 43-31. Nella successiva finalina per il bronzo, tuttavia, le azzurre si riscattavano e superavano senza grosse difficoltà la sorpresa Svezia per 45-34. In precedenza le scandinave erano state capaci di estromettere la Russia ai quarti, prima di cedere alla Romania in semifinale. Proprio le rumene sono salite sul gradino più alto del podio grazie all’affermazione sull’Estonia per 45-35 nell’atto conclusivo.

Delusione, invece, per il fioretto maschile. Dopo la tripletta nell’individuale, è arrivata una cocente eliminazione ai quarti della prova a squadre, con la Gran Bretagna che ha rifilato un perentorio 45-25 agli esponenti italici. Rispetto alla competizione di tre giorni fa, mancava all’appello (per scelta tecnica) il bronzo in carica Edoardo Luperi, sostituito da Andrea Baldini. Con il livornese anche Andrea Cassarà, Giorgio Avola e Daniele Garozzo. Un’Italia forse troppo distratta e supponente, inchinatasi quasi senza reagire ad una equipe britannica certamente competitiva, anche se tutt’altro che insormontabile.

Gli azzurri si sono poi riscattati sconfiggendo Bielorussia (45-28) e Polonia (45-17), agguantando un quinto posto comunque prezioso in ottica qualificazione olimpica a Rio 2016. La finale per l’oro ha visto prevalere la Francia (45-35 alla Russia), mentre la Germania ha colto il bronzo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Augusto Bizzi Federscherma

federico.militello@oasport.it

Lascia un commento

Top