Scherma, Europei 2015: sciabolatrici quarte, spadisti a rischio Rio 2016

Scherma-sciabola-femminile-Augusto-Bizzi-Federscherma.jpg

Giornata opaca per l’Italia agli Europei di scherma 2015 a Montreux.

Si ferma ai piedi del podio la corsa delle sciabolatrici nella prova a squadre femminile. Dopo aver superato ai quarti l’Ungheria 45-42, Irene Vecchi, Rossella Gregorio, Ilaria Bianco e Lorena Gulotta hanno ceduto alla Francia in semifinale per 45-42. Nella finalina per il bronzo, poi, l’Ucraina di Olga Kharlan si è rivelata superiore, imponendosi con un netto 45-30. Medaglia d’oro per la Russia: 45-36 alla Francia.

Disastroso, poi il rendimento della nazionale tricolore di spada maschile (la specialità, va detto, dove il Bel Paese soffre maggiormente da un paio di stagioni a questa parte). Paolo Pizzo, Enrico Garozzo, Marco Fichera ed Andrea Santarelli sono stati eliminati agli ottavi dalla modesta Repubblica Ceca per 45-42, per poi cedere successivamente anche a Germania ed Israele e chiudere mestamente al dodicesimo posto. Un risultato che compromette enormemente le chance di qualificazione a Rio 2016: al momento gli azzurri sarebbero (nettamente) fuori. Servirà un deciso cambio di passo a partire dai Mondiali di Mosca e, soprattutto, recuperare il miglior Matteo Tagliariol. Il titolo è andato alla favoritissima Francia (45-32 all’Estonia nell’atto conclusivo), bronzo alla Svizzera.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@oasport.it

Lascia un commento

Top