Rugby, Mondiali Under 20: l’Italia spreca tutto, Samoa passa a Calvisano

CGhL2-pUAAEcgjk.jpg

L’Italia fa e disfa nell’ultima giornata del girone dei Mondiali Under 20. A Calvisano, gli azzurri cedono alle Samoa in una partita rocambolesca per 24-30, dopo essere entrata apparentemente in controllo del match nel secondo tempo. A punire gli uomini di Alessandro Troncon è un intercetto dei Pacifici a pochi passi dall’area di meta degli azzurri, che saranno costretti ora a giocare le semifinali per il 9-12° posto.

La potenza della mischia italica si fa sentire subito al 3′: Buonfiglio&co. spingono forte sui 5 metri e permettono a Renato Giammarioli di aprire subito le danze. Il vantaggio, tuttavia, dura ben poco, perché la difesa azzurra si fa trovare impreparata su un contrattacco e Leger marca il pareggio al 4′. Gli uomini di Troncon provano a fare la partita ma hanno le idee confuse, commettendo diversi errori; dall’altra parte, gli isolani si limitano a fare il compitino e al 15′ passano in vantaggio con un piazzato di Falaniko. L’unico a provare a dare una scossa ad un’Italia troppo compassata è un elettrico Giammarioli, ma il n°8 da solo non può nulla. E al 20′ arriva inevitabile il bis samoano, con un’azione semplice e ben giocata capace di creare un 4 vs 1 al largo, concretizzato facilmente da Falaniko che punisce una svagata difesa italiana. La reazione italiana, seppur confusionaria, non tarda ad arrivare; gli azzurri si aggrappano agli uomini di mischia, erodono la difesa ospite e al 31′ trovano il varco giusto con Jake Polledri (17-12). Falaniko, poco dopo, riporta i suoi sopra break (20-12), mentre Minozzi prova dalla lunga distanza a tempo scaduto ma senza successo.

L’inizio di ripresa, però, è scoppiettante da parte dell’Italia. L’assoluto trascinatore è ancora il reparto degli avanti: prima è Ferraro a marcare dopo una giocata veloce da touche al 43′, che vale il sorpasso sul 20-19. Gli azzurri sono disposti meglio in campo e al 51′ è Zanetti a concretizzare una dirompente maul italiana per il 20-24 e per la quarta – importantissima – meta del bonus. Samoa è frastornata, l’Italia ora prende in mano il pallino del gioco ma non trova punti dal piede di Minozzi al 56′, dopo un fallo dei pacifici in maul. Agli ospiti, però, basta un calcio di punizione di Falaniko per rimettersi in pista e riportarsi a -1. Gli azzurri sembrano staccare la spina e Samoa, per poco, non ne approfitta, con una fuga indisturbata dell’estremo sull’out destro; l’estremo, però, perde palla proprio al momento di schiacciare e l’azione sfuma. I pacifici non demordono e continuano a spingere, mettendo in seria difficoltà gli azzurri. I samoani li schiacciano sui 5 metri, Lazzaroni&co. avrebbero anche recuperato pallone ma Ferrari, nel tentativo di liberare, viene intercettato e Tuiomanufili firma il sorpasso (30-24). L’Italia cerca la rimonta, imposta anche una buona touche-maul ma Giammarioli prova (sbagliando) a fare tutto da solo. Negli ultimi minuti regna la confusione, ma gli azzurri non ne approfittano.

Twitter: @panstweet

daniele.pansardi@oasport.it

Foto: Twitter World Rugby

Lascia un commento

Top