Pentathlon, Coppa del Mondo: De Luca e Tocchi strepitosi a Minsk, in forma Mondiale

De-luca-minsk.jpg

Si è appena chiuso un weekend memorabile per la squadra azzurra del pentathlon moderno, con una vittoria ed un secondo posto nelle finali di Coppa del Mondo di Minsk (Bielorussia), che hanno permesso all’Italia di chiudere in vetta il medagliere della Coppa del Mondo 2015.

Il 28enne atleta romano Riccardo De Luca ha centrato la doppia impresa, ossia quella di vincere la finale di Coppa del Mondo 2015 e di qualificarsi, come primo pentatleta europeo in assoluto, per l’Olimpiade del 2016. L’atleta del CS Carabinieri, campione europeo nel 2012 e nello stesso anno campione del mondo a squadre, vince per la prima volta in carriera la finale di Coppa del Mondo: un’impresa riuscita in campo maschile soltanto a Cesare Toraldo nel 1991. L’azzurro, grazie ad una brillante prestazione della scherma, si è portato al comando della competizione fin dalla prima prova. Limitando i danni nel nuoto e completando il percorso dell’equitazione a punteggio pieno, De Luca ha potuto scatenarsi nella disciplina a lui più congeniale, il combined.

In stagione l’azzurro aveva già centrato due top ten ad El Cairo e Roma, ma sembra essere entrato in condizione nel momento giusto, in vista dei prossimi campionati Mondiali.

Meno performanti rispetto ad altre occasioni gli altri due azzurri impegnati in gara: Pier Paolo Petroni, terzo a Roma, è stato costretto a dare forfait nel combined a causa di un problema fisico. In difficoltà Fabio Poddighe: l’atleta sardo, dopo aver sfiorato il podio a El Cairo, ha sofferto di problemi all’avambraccio che ne limitano le prestazioni. La speranza è di recuperare i due azzurri al meglio per i prossimi appuntamenti.

Domenica invece nella gara femminile è stata Gloria Tocchi a salire sul podio con il secondo posto ottenuto alle spalle della campionessa olimpica Laura Asadauskaite, che ha sorpassato l’azzurra nelle prime fasi del combined e che si è cosi guadagnata la carta olimpica per Rio 2016.

Per l’ atleta classe 1993 delle Fiamme Azzurre è il primo podio della carriera, finalizzando al meglio una giornata eccezionale che l’ha vista primeggiare nella scherma, dove ha ottenuto ben 250 punti e ha ben figurato nell’equitazione, difendendosi nel nuoto. Con questo risultato l’azzurra è potuta partire in prima posizione nella prova finale, il combined. Solo la campionessa olimpica, la lituana Laura Asadauskaite, già vincitrice delle tappe di Roma e El Cairo, è riuscita a rimontare l’italiana, mostrando le proprie doti nella corsa, forse il punto debole dell’azzurra insieme al nuoto.

Per Alice Sotero e Lavinia Bonessio c’è stato un passo indietro rispetto alle prestazioni ottenute a Kecskemet e Roma, dove hanno chiuso rispettivamente settima e sesta Sotero, nona e sedicesima Bonessio.

L’obiettivo per gli atleti azzurri è quello di presentarsi al meglio per il prossimo appuntamento valido come tappa di qualificazione olimpica, ossia il Campionato del Mondo che si svolgerà a Berlino dal 29 giugno al 5 luglio, che assegnerà tre carte olimpiche al podio maschile e altrettante a quello femminile.

Clicca qui per i risultati ufficiali

Foto: FIPM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

nicolo.persico@oasport.it

Twitter: @nvpersie7

Facebook: nvpersie7

Lascia un commento

Top