Nuoto Sincronizzato: i Giochi Europei un trampolino di lancio per le giovanissime

italian-synchro-national-team-fb-page-nuoto-sincro-baku2.jpg

Da circa una settimana si è conclusa l’avventura ai Giochi Europei di Baku per le  sincronette azzurre.

Alla grande manifestazione azera hanno partecipato le atlete italiane, che fanno ancora parte della squadra juniores: anche le altre nazioni hanno schierato le giovanissime.

Buona prova di forza per le portacolori azzurre che, nonostante non siano riuscite a portare a casa nessuna medaglia, hanno lavorato duramente, presentato interessanti programmi e hanno accapparrato comunque posizioni a ridosso del podio.

Si contano ben due quarti posti, uno nel libero della squadra e l’altro nel libero combinato, e due quinte posizioni nel duo e nel solo.

Difficile per il Bel Paese sorpassare Ucraina, Spagna e l’inarrivabile Russia, ma si può essere soddifatti e pensare ad un futuro roseo per queste ragazze, che stanno dimostrando di volta in volta quanto valgono.

Questa volta l’Austria ha superato le italiane nell’individuale e nella coppia, dimostrando una crescita prorompente che potrebbe riservare ulteriori sorprese in futuro.

Rimane dunque una competizione da incorniciare, che può rappresentare un trampolino di lancio per il nostro paese e che possa portarlo tra le stelle di questa disciplina.

Ricordiamo di seguito le convocate:

Noemi Carrozza (solo, duo, squadra) Laila Huric (duo, squadra), Beatrice Amadei, Raffaella Baldi, Elena Sernagiotto, Veronica Gallo, Enrica Piccoli, Maria Antonietta Buccheri, Ludovica Redaelli e Claudia Modaelli.

Continuate a seguire gli aggiornamenti del nuoto sincronizzato sulla nostra pagina

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per iscriverti al gruppo Nuoto Sincronizzato

eleonora.baroni@olimpiazzurra.com

Foto: Facebook- italian synchro national team

Lascia un commento

Top