Nuoto, Giochi Europei Baku 2015: l’Italia deve sorridere. Non brillano solo gli ori

sveva-schiazzano.jpg

Collezionista d’argenti, l’Italnuoto giovanile torna a casa dai Giochi Europei di Baku 2015 con un oro e ben nove secondi posti. A fine manifestazione è tempo di tracciare un bilancio sull’avventura degli azzurrini nella vasca azera, avventura iniziata con tante possibilità di medaglia e terminata con un bottino inferiore rispetto all’estate 2014 ma di certo ugualmente interessante in vista del futuro.

Tanti i motivi della (comunque minima) flessione, due i principali: l’ambiente oltremodo simile a quello olimpico, dunque più competitivo e con più pressioni sui giovanissimi atleti, e i Mondiali di Singapore sullo sfondo (25-30 agosto). Per valutare la stagione del nuoto giovanile italiano sarà impossibile non partire dall’appuntamento iridato, il clou dell’intera preparazione. A Baku, tuttavia, qualcosa di buono si è visto eccome. Anzi, anche più di qualcosa: Ilaria Cusinato doppio argento nei misti, Giulia Verona idem nei 100 e 200 rana, lo strepitoso oro di Sveva Schiazzano nei 1500 sl (la campana è anche giunta quarta negli 800), la velocità maschile convincente sul podio sia in staffetta che nei 50 e 100 sl, l’ottimo delfino di Giacomo Carini e di Elisa Scarpa Vidal, grande sorpresa targata corsia uno così come per altro il trionfo della Schiazzano.

Vero che, partendo dai ranking stagionali, Alessandro Bori e Lorenzo Glessi avrebbero potuto raccogliere di più. Vero pure che i tanti argenti non rendono felici proprio tutti. Ma come tutte le cose anche il nuoto italiano ai Giochi Europei di Baku 2015 va contestualizzato e spiegato numeri alla mano. E allora eccoli: Ilaria Cusinato, 16enne veneta, ha stabilito i nuovi record italiani juniores nei 200 e 400 misti (4’44″01 e 2’13”78, il secondo pure cadetti, la categoria superiore). Giulia Verona si è sempre migliorata: personale abbassato di oltre un secondo nei 200 rana (da 2’16”98 a 2’25”91) e netto progresso anche nei 100 (da 1’09”44 a 1’08”61). Sveva Schiazzano vince la palma di rivelazione della manifestazione: prima di giovedì nei 1500 stile libero non era mai scesa sotto i 17’02″69, ha sorpreso tutte dalla corsia laterale e si è imposta prendendo la vetta ai 1100 metri in 16’40″17. Uno scatto di 22 secondi, da applausi. Record italiano juniores e cadetti anche per Giacomo Carini nei 200 farfalla: 1’57”46. Con le medaglie sono arrivati anche i personal best di Elisa Scarpa Vidal (da 2’13″96 a 2’12”27) e Giovanni Izzo (quattro centesimi rosicchiati per il 22”51 della finale), mentre Alessandro Miressi ha toccato in seconda piazza nei 100 sl (50”03) peggiorando il crono della semifinale che – pure in questo caso – rappresenta il suo nuovo miglior tempo della carriera (49”80). E si potrebbe andare avanti a lungo, citando per esempio il 2’14”65 di Sara Franceschi quarta nei 200 misti con precedente record a 2’15”45.

Quanto riportato, però, sembra sufficiente. Chi invoca i numerosi trionfi del passato, europei ma anche mondiali, forse dimentica due passaggi: la nuova filosofia capeggiata dal responsabile del settore giovanile Walter Bolognani e, soprattutto, la triste fine che hanno fatto i molti fuoriclasse italiani dominatori a 18 anni con un fisico già oltremodo plasmato e incapace di crescere ancora al momento del salto tra i big. Oggi come oggi Russia e Gran Bretagna fanno paura: nell’estremo est c’è chi nuota i 200 rana in 2’23”06 come Maria Astashkina, i 100 farfalla in 52”13 come Daniil Pakhomov e i 100 rana in 1’00”65 come Anton Chupkov (tutti record mondiali juniores), oltremanica si è prepotentemente imposto sulla scena il dorsista Luke Greenbank (54”76 nei 100 e 1’56”89 nei 200) e anche Duncan Scott, velocista, ha stracciato la concorrenza. Dureranno? Appuntamento a Singapore prima e tra i grandi poi. Si dice che non è tutto oro quel che luccica, ma mai come in questo caso il proverbio si può girare in “non luccicano solo gli ori”. 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace per restare sempre aggiornato sul mondo del nuoto italiano

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: Facebook Sveva Schiazzano

Lascia un commento

Top