Mountain bike, Coppa del Mondo: Italia, note liete solo dai giovani

pettinà.jpg

Tornerà di scena a Lenzerheide, il 5 luglio, la Coppa del Mondo di MTB-cross country, che ha vissuto le prime due tappe ravvicinate della nuova stagione tra Nove Mesto na Morave e Albstadt.

Ora, dunque, una pausa piuttosto lunga che coinciderà peraltro con i Giochi Europei di Baku, dove quasi tutti i migliori biker continentali saranno di scena nell’originale manifestazione azera. Dopo il primo scorcio del massimo circuito, il nome da copertina è senz’altro quello di Jolanda Neff: la ventiduenne elvetica ha bissato il successo del debutto confermandosi come il talento in assoluto più prezioso delle ruote grasse al femminile, a fronte di una Pauline Ferrand-Prèvot costretta al ritiro. La rossocrociata, già vincitrice dell’ultima Coppa del Mondo, ha inflitto un sensibile distacco alla veterana Gunn-Rita Dahle, che invece a Nove Mesto le era rimasta incollata sino al traguardo, a conferma di un predominio sempre più nitido. Nel maschile, invece, l’ormai celebre lotta tra Julien Absalon e Nino Schurter si è risolta in favore del francese, ma ciò che ha letteralmente impressionato è stata la notevole prova di forza della stessa nazionale elvetica, con cinque atleti tra i primi sette al traguardo.

Per l’Italia il weekend non può essere archiviato come positivo. I due storici big, ovvero Eva Lechner e Marco Aurelio Fontana, hanno chiuso piuttosto lontani dai migliori: l’altoatesina ha riconfermato la 17^ piazza della gara d’esordio, il bronzo olimpico in carica è invece apparso in leggera ripresa, pur finendo ancora distante dalle prime posizioni dove, perlomeno in partenza, erano presenti anche Andrea Tiberi e Gerhard Kerschbaumer, che hanno portato a termine una gara discreta. Così, le note liete arrivano dai più giovani, ovvero da chi, come Nicholas Pettinà o Andrea Righettini, ha scalato nella prova élite decine e decine di posizioni sino ad ottenere un piazzamento del tutto lodevole: 25° il vicentino della Forestale partito col numero 113,  40° il ventiduenne trentino più volte campione nazionale giovanile, di poco preceduto dal più esperto Mirko Tabacchi. Si tratta di risultati incoraggianti che testimoniano un’incoraggiante crescita di rendimento: focalizzandosi sulle gare U23, molto positiva la performance di Lisa Rabensteiner che ha ritrovato la top ten, mentre Gioele Bertolini ha faticato a ripetersi sugli ottimi livelli della settimana precedente.

Per restare aggiornato sul mondo della mountain bike visita FreeBike Tv, anche su Facebook

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Lascia un commento

Top