Hockey pista|Mondiali 2015: Italia, reazione col Mozambico! Adesso c’è da prendersi il 5° posto

Hockey_pista_Mariotti_FIHP_Facebook.jpg

Vince con un gran sussulto d’orgoglio la nazionale italiana di hockey pista impegnata ai Mondiali 2015, in quel di La Roche sur Yon, nel mini-torneo per il 5° posto. Battendo nella semifinale il Mozambico per 5-2.

L’Italia è intraprendente ed in avvio di gara si procura anche un rigore, con Tataranni che però spedisce sul palo, ma poi subisce due azioni-fotocopia dai rivali del Mozambico e va sotto 0-2, per effetto delle conclusioni di Saraiva e Rodrigues che dalla distanza trafiggono Gnata.
I nostri sembrano più che altro sconsolati ed incapaci di trovare la via della rete, quando ancora Tataranni spreca un libero. Sul finale di frazione però, in powerplay è Ambrosio ad accorciare le distanze sul 1-2 che manda le squadre al riposo.

La ripresa inizia con chance da una parte e dall’altra. Carlos Silva, estremo difensore degli africani, si esalta su alcune conclusioni ravvicinate, ma anche Gnata è costretto a rimanere vigile nonostante i giallo vestiti anestetizzino spesso i loro possessi di palla. C’è confusione in pista, i crismi tattici son saltati. Le compagini si affrontano a viso aperto, mentre il tempo scorre.

Mariotti inserisce Pagnini, e fa la scelta giusta. Perchè l’attaccante imposta in maniera eccezionale il contropiede, con Tataranni che arrivato in area salta il portiere e realizza il 2-2 rimettendo le cose in pari.

A metà della ripresa poi, una svolta negativa: lo stesso Tataranni commette un fallo sulla ripartenza mozambicana. C’è un tiro libero, con annesso cartellino blu.

Gnata è semplicemente super neutralizzando tutto e consentendo ai compagni di ristabilirsi sul campo in parità numerica.

Tutto in ballo, quando manca poco allo scadere.

L’Italia ci mette grinta e quando mancano pochi giri di lancette al termine della contesa, ecco il tris che spacca la partita in pochi secondi.

Pagnini, Motaran e Amato vanno a segno in rapida successione finalizzando freddamente tre contropiedi letali per il Mozambico.

In un amen siamo sul 5-2. E’ finita.

Adesso andiamo a giocarci la finale per il 5° posto cercando di confermare almeno il risultato del 2013, contro la vincente della sfida Francia-Cile.

Foto: FIHP

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

Lascia un commento

Top