Hockey pista|Mondiali 2015: Italia, c’è delusione. Ma si guarda avanti…

Hockey_pista_Italia_Vanelli.jpg

Con la vittoria meritata dell’Argentina in finale sulla Spagna si è concluso il Mondiale 2015 di hockey pista, disputatosi a La Roche Sur Yon, e come sempre quando termina una competizione di questa caratura è doveroso tracciare un bilancio di quello che è stato, anche e soprattutto per quanto riguarda la realtà italiana.

La squadra “Albiceleste”, la stessa “Roja” e il Portogallo, non hanno tradito le attese: partite con i favori del pronostico hanno riempito il podio esibendo una profondità nella rosa ed un tasso tecnico sconosciuto alle altre formazioni.

Poi c’è la nostra rappresentativa.

E’ chiaro che in molti prevale lo scoramento per l’eliminazione ai quarti di finale contro una Germania (ovviamente sorpresa del torneo) ampiamente alla nostra portata, ma questo non deve comunque cancellare quanto di buono abbiamo fatto: su 6 gare disputate ne abbiamo vinte 5 realizzando un alto numero di reti e consentendo, con la mole di gioco prodotta , a Massimo Tataranni di essere il capocannoniere della competizione iridata (15 gol).

Pur “andando in disgrazia”, gli azzurri sono riusciti comunque a confermare il piazzamento dell’edizione 2013 del Mondiale angolano (5° posto) mostrando, anche con tutte le difficoltà strutturali che Massimo Mariotti ha sempre fatto ben presente, e non solo nei momenti di cocenti eliminazioni, ma altrettanto quando si trattava di esaltanti vittorie (Alcobendas 2014…), di avere una forte identità tattica volta al proporre il gioco e non ha subirlo.

Le basi sono più che solide e l’investimento progettuale fatto da quest’anno sul lavoro del ct dovrebbe portare al più presto dei buoni frutti, in maniera tale che gli Europei del 2016 e i Mondiali 2017, i quali saranno all’interno del contesto dei World Roller Games di Barcellona, possano essere vissuti da protagonisti dalla nostra selezione ricordando a tutti che comunque l’Italia non coglie un podio iridato dal 2001 e dopo ventiquattro lunghi anni è tornata a vincere un Campionato d’Europa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Alberto Vanelli

Lascia un commento

Top