Giro del Delfinato 2015: tappa a Rui Costa. Nibali dà spettacolo e conquista la Maglia Gialla

Vincenzo-Nibali-Tre-Valli-2014-©-Gianluca-Santo.png

Si vedeva dall’altimetria che questa sarebbe potuta essere una tappa adatta a imboscate o scenari alternativi. Ci si è messa anche la pioggia, incessante dalla partenza di Saint-Bonnet-en-Champsaur a confermarlo. Nella sesta tappa del Giro del Delfinato si rivoluziona la classifica generale: al termine di una fuga da lontano si impone Alberto Rui Costa (Lampre Merida) davanti ad un fantastico Vincenzo Nibali (Astana) che va a conquistare la Maglia Gialla.

Scatti e controscatti sin dai primi metri di corsa, come d’abitudine. Approcciato il primo GPM di giornata si inizia a fare sul serio: ci provano in tanti ad evadere, compreso un attivissimo Grivko (Astana), ma a sganciarsi è un gruppetto di 20 uomini. Tra di loro molti dei big presenti a questo Delfinato: Bardet, vincitore ieri, Van Garderen, maglia gialla alla partenza e Vincenzo Nibali. Assente invece il favoritissimo per la vittoria finale, Chris Froome (Team Sky) che ha messo a tirare a tutta la sua squadra per raggiungere i battistrada. Sul Col de la Croix-Haute l’attacco buono: va via Vincenzo Nibali con Tony Martin (Etixx QuickStep), Alejandro Valverde (Movistar), Rui Costa (Lampre Merida) e Tony Gallopin (Lotto Soudal). I cinque trovano da subito un gran accordo e guadagnano secondi sui rivali per la classifica generale, trovatisi disorganizzati per l’inseguimento. Sempre di tre minuti circa il vantaggio della fuga sul gruppo principale che non è riuscito a recuperare quasi nulla.

Il campione italiano dell’Astana ha provato più volte ad aumentare il ritmo in salita, dimostrandosi il più in forma del quintetto. A 20km dal traguardo proprio un’accelerazione del vincitore dell’ultimo Tour de France è costata a Tony Martin che si è dovuto lasciar sfilare. I quattro davanti hanno continuato ad andare di comune accordo, mantenendo sempre sopra i 2′ il vantaggio sugli inseguitori. A 5 km dal traguardo brutta caduta in gruppo per Romain Bardet, scivolato in una curva su strada particolarmente bagnata. Ai -4km dal traguardo scatta Gallopin sorprendo gli altri attaccanti. Ai -2, approcciata l’ascesa finale, è partito con uno scatto deciso Vincenzo Nibali che ha raggiunto e scavalcato Gallopin a doppia velocità. Ai -500 metri dal traguardo spunta però da dietro Rui Costa che batte Nibali in volata, consolazione per l’azzurro la conquista della leadership della classifica generale. Terzo Valverde, quarto Gallopin poi Simon Yates (Orica GreenEdge) e tutti gli altri uomini di classifica a più di due minuti di distacco.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Foto: Gianluca Santo

Lascia un commento

Top