Giro del Delfinato 2015: il percorso e le tappe

Vincenzo-Nibali-Tre-Valli-2014-©-Gianluca-Santo.png

Scatta domenica 7 giugno il Giro del Delfinato, breve corsa a tappe principalmente usata dai corridori per preparare al meglio il Tour de France che si disputerà da qui ad un paio di settimane. Lo scorso anno il vincitore fu lo statunitense Andrew Talansky che beffò nell’ultima tappa Froome e Contador. Andiamo a vedere il percorso della breve corsa a tappe francese: otto le tappe, alcune di alta montagna.

Domenica 7 giugno, prima tappa: Ugine-Albertville 131.5 km

Si comincia con una frazione breve, che si conclude nel comune che ha ospitato le Olimpiadi Invernali nel 1992. Percorso relativamente semplice: dopo un breve tratto in linea si entra in un circuito, passando proprio sotto il traguardo, che avrà come punto più complicato la salita di Côte du Villard, poco più di un chilometro al 9%. Possibile un arrivo in volata.

Lunedì 8 giugno, seconda tappa: Le Bourget-du-Lac-Villars-les-Dombes 173 km

Inizio di tappa duro, poi torna la pianura per la seconda parte. Da scalare nei primi 70 km due GPM rispettivamente di seconda e prima categoria: Col du Chat e Col de Cuvéry. Difficile che però si muovano gli uomini di classifica, più probabile che vada via una fuga.

Martedì 9 giugno, terza tappa: Roanne-Montagny 24.5 km

Cronometro a squadre sulla quale gli specialisti potranno esprimersi al meglio delle loro possibilità. Dovranno stare attenti anche gli uomini di classifica a non perdere troppi secondi.

Mercoledì 10 giugno, quarta tappa: Anneyron – Porte de DrômArdèche-Sisteron 228km

Ancora una tappa prevalentemente pianeggiante. Tre i GPM, ma tutti tra terza e quarta categoria. Potrebbe essere trampolino di lancio l’ultimo, la Côte de la Marquise, che si conclude a tredici chilometri dal traguardo.

Giovedì 11 giugno, quinta tappa: Digne-les-Bains – Pra-Loup 161 km

Prima tappa veramente impegnativa per questo Delfinato. Prima parte con solo due ascese di terza categoria, ma con il passare dei chilometri si inizia a fare sul serio. Da scalare in rapida successione sul finale: Col de la Colle-Saint-Michel e Col d’Allos, di seconda e prima categoria, prima dell’arrivo in salita a Pra Loup.

Venerdì 12 giugno, sesta tappa: Saint-Bonnet-en-Champsaur – Villard-de-Lans – Vercors 183 km

Altra frazione molto impegnativa, che prevede ben sei GPM. Il più duro è il Col du Rousset, a circa 50km dall’arrivo in salita di Villard de Lans, con 2 km circa al 7%. Tappa da fughe.

Sabato 13 giugno, settima tappa: Montmélian – Saint-Gervais Mont Blanc 155 km

La frazione più dura di questa corsa francese. Addirittura cinque salite di prima categoria da scalare: Col de Tamié, Col de la Forclaz, Col de la Croix Fry, Côte des Amerands e il duro arrivo a Montée du Bettex. Pendenze aspre per queste ascese: vincerà il più forte.

Domenica 14 giugno, ottava tappa: Saint-Gervais Mont Blanc – Modane Valfréjus 156 km

Altro arrivo in salita per decretare il vincitore di questo Delfinato. Sei i GPM da scavalcare, con l’arrivo in salita a Valfrejus che è sicuramente il più duro, con quasi nove chilometri al 9%.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Lascia un commento

Top