Finale Champions League 2015: Juventus-Barcellona 1-3, le pagelle dei bianconeri

calcio-gigi-buffon-juventus-fb-gianluigi-buffon.jpg

Un gol del solito Morata, la grande prestazione di Marchisio e un Buffon provvidenziale in due occasioni (ma anche impreciso sulla rete decisiva di Suarez) non bastano alla Juventus. A Berlino trionfa il Barcellona, al secondo triplete dal 2009. Le pagelle dei bianconeri.

Buffon, 6.5: tiene viva la Juventus con una grande risposta su Dani Alves e sprona la squadra nel momento più difficile. Ottimo anche sull’esterno di Suarez, poi non perfetto sul tiro di Messi e il Pistolero insacca.

Lichtsteiner, 6: deve contenere Neymar e non è semplice, nel secondo tempo lascia molto spazi ma il Barça non li sfrutta in contropiede.

Bonucci, 6.5: pulito nelle chiusure, fatica su Messi ma nel primo tempo se la cava. Perde Neymar ma il 3-1 è irregolare.

Barzagli, 6: statico, non scala in occasione del gol di Rakitic. Soffre la rapidità degli attaccanti blaugrana: non la sua partita migliore.

Evra, 6.5: contiene bene Messi nel primo tempo ed è bravo anche nella ripresa. Senza paura. Dall’88’ Coman, sv.

Pogba, 6: nel primo tempo si vede poco, se non quando reclama un (giusto) calcio di punizione dal limite. Nella ripresa ha una buona occasione in area ma scivola e perde l’attimo.

Pirlo, 5.5: guarda Rakitic inserirsi ma non lo segue: grave errore per l’ex rossonero, che poi non riesce a riscattarsi. Finale anonima per quello che avrebbe dovuto inventare le migliori giocate.

Marchisio, 7: il più brillante del centrocampo, ci prova da fuori e corre fino alla fine. Provvidenziale per il pareggio di Morata, è l’ultimo ad arrendersi. Avrebbe meritato di più.

Vidal, 6.5: in avvio è nervoso e fuori dal gioco, rischia il giallo dopo pochi minuti e lo riceve al decimo. Nel secondo tempo invece è una furia, ma non basta. Dal 79′ Pereyra, 6: si inserisce spesso ma non è preciso.

Tevez, 6.5: come sempre in Europa lavora molto “sporco” e ha poche occasioni per rendersi pericoloso. Impegna di sinistro Ter Stegen e nasce il tap-in di Morata.

Morata, 7: è vivace e si vede, sente l’aria di Clasico. Abile a trovarsi nel momento giusto al posto giusto per il provvisorio pareggio che illude la Juve. Dall’83 Llorente, sv.

All. Allegri, 6: parte male e nel primo tempo concede molto spazio al Barcellona senza mai rendersi pericoloso. A inizio ripresa la Juventus vive il suo momento migliore, ma Suarez colpisce a freddo e il sogno svanisce alla distanza.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: pagina Facebook ufficiale Gianluigi Buffon

Lascia un commento

Top