Diamond League 2015, New York: Usain Bolt vince a fatica. Gatlin resta irraggiungibile

usain-bolt-dlGolden_gala233.jpg

Usain Bolt


Il settimo appuntamento della Diamond League, che si disputa a New York, è condizionato dal vento e questo impedisce agli atleti delle gare veloci di correre le migliori prestazioni.

Usain Bolt vince a fatica i 200 metri (-2.8 m\s) con il tempo di 20″29 davanti a Zharnel Hughes (Aia, 20″32). Il giamaicano, che dopo il traguardo mostra evidenti segni di sofferenza, non si è comunque tirato indietro nel mostrare il sorriso e l’affetto al pubblico che lo acclamava, ma preoccupano le sue condizioni. Il tempo non è granché e sicuramente per il caraibico si tratta di un passo indietro rispetto alla sua ultima prova di Ostrava. I Mondiali si avvicinano e per Bolt servirà senz’altro un cambio di passo se vorrà avvicinarsi al primatista stagionale Justin Gatlin.

I 100 metri (-1.7 m\s) vengono conquistati da Tyson Gay (10″12), che ha la meglio nello spunto finale sul giamaicano Nesta Carter (10″15).

Pedro Pablo Pichardo si ferma a 17.56 metri, misura che permette al cubano di vincere agevolmente il triplo sull’americano Will Claye, medaglia d’argento di Londra. L’azzurro Fabrizio Schembri ha dato forfait e rimanda il suo debutto nella Diamond League.

Negli 800, un ritrovato David Rudisha corre il suo miglior crono stagionale (1’43″58).

Si conferma David Oliver nei 110 ostacoli. L’americano corre la sua gara in 13″19.

Nei 200 metri femminili ottimo crono dell’americana Tori Bowie (22″23). La statunitense, autrice del proprio personale stagionale, stacca la nigeriana Okagbare (22″67), seconda, a oltre quattro decimi.

La spagnola Ruth Beitia si conferma ad alti livelli dopo la vittoria al Golden Gala di Roma e ritocca il record del meeting con la misura di 1.97 metri, stessa quota della croata Blanka Vlasic, a cui però sfugge il successo per un errore in più.

11 secondi netti sono sufficienti all’americana English Gardner per ottenere il successo davanti al proprio pubblico.

Christabel Nettey batte la beniamina di casa, Tianna Bartoletta (6.89m), nel salto in lungo. Il 6.92 metri della canadese è il nuovo record del meeting.

Nei lanci, vittorie europee di Sandra Perkovic (disco) con 68.44 e di Vitezslav Vesely (giavellotto) con 83.62. II peso maschile vede la vittoria del padrone di casa Joe Kovacs, che ha lanciato 21.67.

Fabiana Murer (Bra) raggiunge quota 4.80 nell’asta donne e la sua performance è il proprio primato stagionale.

Francena Mccorory (Usa)stabilisce la nuova miglior prestazione mondiale stagionale con il tempo di 49″86.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

sergio.arcobelli@oasport.it

Foto: Fidal Colombo

Lascia un commento

Top