Calcio Femminile, Mondiali Canada 2015: i risultati di lunedì 8 Giugno, buona la prima per Usa e Giappone

11219411_917064141669784_6539093384354588927_n.jpg

Nel day 2 dei Mondiali di calcio femminile in Canada, Usa e Giappone non deludono le aspettative dei loro tifosi aggiudicandosi il match di esordio, rispettivamente contro Australia e Svizzera.

Le americane, nel gruppo D, hanno superato 3-1 le “Aussie” non senza qualche difficoltà. Sono infatti le australiane, le prime a rendersi pericolose con un tiro di Emily Van Egbon che ha costretto alla non semplice parata il portiere statunitense Hope Solo. Tuttavia, grazie ad una conclusione dalla distanza di Megan Rapinoe, deviata fortuitamente da Laura Alleway, gli States si sono portati in vantaggio al 12′. La reazione da parte delle “Matildas” non si è fatta attendere e dopo 15 minuti è arrivato il pareggio grazie alla marcatura di Lisa De Vanna. Nella ripresa, dopo un inizio privo di spunti interessanti, Christen Press ha portato nuovamente avanti la rappresentative stelle e strisce al 61′, grazie alla splendida azione sulla sinistra di Sydney Leroux. Il goal, come si suol dire, ha messo le ali ai piedi alle ragazze di Jill Ellis che con Rapinoe al 78′ ha messo in ghiaccio la partita. Doppietta per la centrocampista statunitense nonché migliore giocatrice in campo. Rimanendo nel Gruppo D, è arrivato un pari ricco di goal tra Svezia e Nigeria, conclusasi sul punteggio di 3-3. Le svedesi sono partite fortissimo, avanti di 2 reti grazie a Desire Oparanozie al 21′ e Nilla Fischer al 31′. Nella ripresa, la reazione delle africane con Ngozi Okobi che ha accorciato le distanze al 50′, riaprendo le sorti del confronto. Dopo 3 minuti, infatti, è arrivata un’altra marcatura nigeriana, questa volta ad opera di Asisat Oshoala, stella dei Mondiali U20 disputati proprio in Canada 12 mesi fa. La Svezia ha ritrovato al 60′ la via del goal grazie a Linda Sembrant ma, a 3 minuti dal termine, la Nigeria ha impattato nuovamente con la rete che porta la firma di Francisca Ordega, in un finale thrilling.

Nel Gruppo C, il Giappone, come detto, ha superato l’insidioso ostacolo della Svizzera con un goal di Aya Miyama, su rigore al 29′, evidenziando nel match disputato a Vancouver una grande forza d’animo, al cospetto di un avversario tutt’altro che semplice. E’ ricca di goal invece l’altro incontro del raggruppamento che ha visto protagonista il Cameroon con l’Ecuador. Ben 6 marcature messe a segno dalle camerunensi che portano la firma di: Madeleine Ngono Mani al 34′, Gaelle Enganamouit al 36′-73′-94′ (rigore),  Christine Manie al 44′ (rigore), Gabrielle Onguene al 79′ (rigore).

 

RIEPILOGO DI GIORNATA:

Giappone – Svizzera 1-0
Camerun – Ecuador 6-0

Usa – Australia 3-1
Svezia – Nigeria 3-3

 

GROUP C
TEAMS MP W D L GF GA +/- Pts
1 1 0 0 6 0 6 3
1 1 0 0 1 0 1 3
1 0 0 1 0 1 -1 0
1 0 0 1 0 6 -6 0
GROUP D
TEAMS MP W D L GF GA +/- Pts
1 1 0 0 3 1 2 3
1 0 1 0 3 3 0 1
1 0 1 0 3 3 0 1
1 0 0 1 1 3 -2 0

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: pagina FB FIFA Women’s World Cup

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top