Calcio femminile, Mondiali Canada 2015: goleada Svizzera, Usa-Svezia a reti bianche

11068746_933789813330550_2318610942071077804_n.jpg

Nel day 5 dei Campionati del mondo di calcio femminile, in Canada, non possiamo che parlare, in primis, del vero e proprio festival del goal, di scena nell’incontro tra Svizzera ed Ecuador (Gruppo C) e le rossocrociate autrici di ben 10 marcature. Uno score (10-1) da partita di rugby quello visto al BC Place Stadium di Vancouver che porta con sé alcuni record. Primo tra questi, il numero di goal in match di calcio (femminile) ben 11, uguagliando quello che si vide nel 2007 tra Germania e Argentina. Inoltre Fabienne Humm è stata in grado di siglare una tripletta in 5 minuti, superando il precedente limite di 8. Il terzo record di giornata porta la firma di Ramona Bachmann con una doppietta in 60 secondi di gioco. A chiosa, nel tabellino svizzero vi sono anche due autoreti ecuadoriane griffate Angie Ponce, che ha trovato parziale riscatto nel goal della bandiera per le sudamericane, a suggello di una sfida da dimenticare per le ragazze allenata da Vanessa Arauz. Rimanendo nello stesso raggruppamento, il Giappone, campione in carica, si conferma contro il Camerun aggiudicandosi la partita con lo score di 2-1. Nipponiche che sono partite fortissimo mettendo a segno le due reti decisive nei primi 20 minuti e poi gestendo le sorti del confronto. A referto sono andate, dunque: Aya Sameshima al 6′ e Yuika Sugasawa al 17′. Ad accorciare le distanze, per le africane, c’ha pensato Ayara Ncout al 90′. Con questi risultati Giappone e Svizzera conservano la leadership del Gruppo C con le rappresentanti del Sol levante in testa per lo scontro diretto.

Venendo al match clou della giornata, quello tra gli Stati Uniti e la Svezia, valevole per il Girone D, è stato uno 0-0 frutto di un gioco molto fisico e in cui gli Usa hanno cercato di fare la partita senza però riuscire ad essere sufficientemente incisivi negli ultimi 20 metri. In particolari sui piedi di Carli Lloyd le occasioni migliori, tra le fila statunitensi, anche se, paradossalmente, sono state le nordiche ad avere la chance più importante di tutto l’incontro. Su un tiro, nei secondi 45 minuti, di Caroline Seger, miracoloso salvataggio sulla linea di porta di Megan Klingenberg, una delle giocatrici con le leve più corte del Mondiale, confermata anche dalla goal line technology. Un pareggio che costa caro alle svedesi, superate in classifica dalle Australiane, vincitrici sulla Nigeria 2-0 per una doppietta di Kyah Simon al 29′ e al 68′. Sarà decisivo lo scontro diretto tra le “Aussie” e la scandinave per stabilire chi potrà accedere alla fase ad eliminazione diretta.

Si tornerà in campo già quest’oggi con gli scontri valevoli per il Girone F ed E:

Francia – Colombia ore 19:00 (Girone F)

Brasile – Spagna ore 22 (Girone E)

Inghilterra – Messico ore 22 (Girone F)

Corea del Sud – Costa Ricca ore 1:00 (Girone E)

 

RIEPILOGO RISULTATI

Svizzera – Ecuador 10-1

Giappone – Camerun 2-1

Usa – Svezia 0-0

Australia – Nigeria 2-0

 

GROUP C
TEAMS MP W D L GF GA +/- Pts
2 2 0 0 3 1 2 6
2 1 0 1 10 2 8 3
2 1 0 1 7 2 5 3
2 0 0 2 1 16 -15 0
GROUP D
TEAMS MP W D L GF GA +/- Pts
2 1 1 0 3 1 2 4
2 1 0 1 3 3 0 3
2 0 2 0 3 3 0 2
2 0 1 1 3 5 -2 1

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Immagine: pagina FB Women’s World Cup

Twitter: @Giandomatrix

Lascia un commento

Top