Calcio, Europei 2015 under 21: crollo Italia! La Svezia ringrazia Sturaro: 2-1

Svezia-gol-under-21-calcio-foto-twitter-uefa.jpg

Un ko amaro. Svezia batte Italia 2-1 in rimonta nella prima gara degli Europei 2015 under 21 e ora il cammino della squadra di Luigi Di Biagio verso la semifinale si complica in maniera terribile. Dopo un buon primo tempo gli azzurrini non riescono a finalizzare la superiorità numerica e cedono, di fisico e nervi, nel finale.

Eppure l’Italia parte bene: concentrata, aggressiva ed equilibrata. Il 4-3-3 offre la giusta copertura in mediana, evita il sacrificio extra di Berardi (ispirato) e Battocchio sulle fasce e con Viviani e Baselli non manca la qualità. Al 3′ è proprio l’ala del Sassuolo a rendersi pericoloso: schema su corner, sinistro al volo dalla distanza e per poco non ne nasce una mischia potenzialmente favorevole agli azzurrini. Anche la difesa fa buona guardia e, a parte una leggerezza di Rugani, Bardi non è quasi mai chiamato in causa.

Il match si sblocca intorno alla mezz’ora: Belotti lavora con il fisico in area e viene atterrato da Milosevic. Per l’arbitro greco Tasos Sidiropoulos è rigore e rosso: Berardi ringrazia e spiazza Carlgren, l’Italia si porta in vantaggio e sa di poter gestire la superiorità numerica per oltre sessanta minuti di gioco. Ma, dopo aver controllato sul finire della prima frazione e aver sfiorato il raddoppio con un destro teso di Baselli dal limite a inizio ripresa, gli azzurrini commettono un errore già visto più volte sotto la gestione Di Biagio: si allungano senza motivo e obbligano la difesa agli straordinari. Al 55′ Zappacosta è bravo a chiudere in corner su Hiljemark, ma sugli sviluppi dell’azione Guidetti – al primo pallone toccato della sua partita – firma di rapina il pareggio con il 25esimo gol in 37 gare internazionali.

Di Biagio sa di non potersi accontentare del pari e prova il tutto per tutto: dentro Verdi, Cataldi e Trotta. Italia a trazione anteriore, ma solo Berardi (solito tiro al volo) e Cataldi (conclusione a fil di palo in girata) riescono a rendersi pericolosi. Si arriva all’80’ e la partita subisce l’ennesima svolta: ingenua reazione di Sturaro a una pallonata a gioco fermo di Ishak e cartellino rosso (con rischio maxi squalifica) per il mediano juventino che ristabilisce la parità numerica. Passano altri quattro minuti e la difesa italiana combina la frittata: Thelin libera di tacco Ishak – Bianchetti in ritardo – che viene steso da Bardi in uscita. Dal dischetto lo stesso Thelin non sbaglia: è il gol che chiude la contesa e ricopre di nubi il futuro di un’Italia brillante nel primo tempo, inspiegabilmente lunga nella ripresa e tradita dal giocatore con maggior esperienza internazionale. Ora, con Portogallo e Inghilterra sullo sfondo, si fa durissima.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui e metti mi piace alla pagina “La storia dell’Italia nelle fasi finali di Mondiali ed Europei

 

francesco.caligaris@oasport.it

Twitter: @FCaligaris

Foto da: profilo Twitter Uefa

Tag

5 thoughts on “Calcio, Europei 2015 under 21: crollo Italia! La Svezia ringrazia Sturaro: 2-1”

  1. Luca46 scrive:

    Mai abbandonare le speranze. Il problema non è solo dell’oggi ma soprattutto il divenire.

  2. Gabriele Dente scrive:

    Un’altra squadra che Rio la vedrà solo in tv! Non ho visto la partita ma ormai la cronaca è un qualcosa di già visto… Ormai a tutti i livelli, dalle giovanili ai senior, si fa sempre più fatica a battere qualunque avversario. E il problema non riguarda soltanto il calcio. Guardiamo che hanno combinato nei giorni scorsi la pallavolo (non ho voluto commentare lo 0-3 con l’Australia!), il basket femminile, ecc.
    Di questo passo, se tutto va bene, a Rio ci presentiamo solo col Settebello. Gli sport di squadra boccheggiano.
    Solo un mio/nostro pensiero?

    1. ale sandro scrive:

      Pensiero di tanti , non il mio che preferisco sempre giudicare le cose in divenire, come per esempio per il volley dove ci sono giocatori non ancora inseriti o infortunati che faranno parte della squadra per la World Cup, che quest’anno è la cosa che conta di più di tutte per noi. Preferisco quindi vedere il resto della World League e la World Cup per giudicare. Certo se dovesse accadere quello da te paventato , e cioè il solo Settebello qualificato, dovrebbero caderne di teste tra tecnici, dirigenti e giocatori/trici! Perchè il basket al maschile, il calcio degli under, ed entrambe le squadre di volley hanno talmente tanto potenziale che ci sarebbe da rivoluzionare anche il discorso delle varie Leghe, a mio parere, in caso di tale fallimento che tu prospetti.
      Riguardo il match di oggi , il rammarico più grande è che non sono stati nemmeno messi alle corde dalla Svezia nel corso dei 90 minuti, che ha giocatori in squadre straniere , evidentemente anche con un’esperienza superiore ai nostri e una capacità di adattarsi alle varie situazioni di una partita, al di là del discorso dello stare in campo che è stato davvero poco adeguato (o furbo). Gestire così una partita , sa di pressapochismo di bassa lega. Spero reagiscano perchè ne hanno tutte le facoltà ,anche se in tanti appassionati non ci credono più. Sarò il solito inguaribile ottimista evidentemente, e meno male che prima di Londra sul sito di Massimo Brignolo, gli italiani all’estero e pure gli stranieri dicevano che ero il tipico pessimista italiano 😀

  3. Luca46 scrive:

    Critico anche la scelta dei tecnici. Quando c’erano i Ceasare Maldini, Gentile e Tardelli le cose andavano meglio. Per i giovani serve una guida che sia da esempio. Nessuno ha pensato a gente come Paolo Maldini per esempio, Gattuso o Del Piero. Gente che sappia insegnare cos’è un campione piuttosto che il 4-3-3.

  4. Luca46 scrive:

    Prestazione comportamentale indegna. Si parla tanto dei troppi stranieri ma i nostri hanno la bava alla bocca?. In generale, anche nei club sull’ 1-0 si gestisce con troppa sufficenza invece di concentrarsi sul colpo del ko. Il calcio Italiano deve cambiare mentalità non tipo di gioco.

Lascia un commento

Top