Basket – Serie A, Playoff 2015: tutto a gara-7 per due semifinali al cardiopalma

basket-alessandro-gentile-olimpia-milano-allenamento-fb-ufficiale-olimpia.jpg

Milano e Sassari chiamano, Venezia e Reggio Emilia rispondono. E il meglio deve ancora venire, con i degni atti conclusivi di due semifinali playoff straordinarie e al cardiopalma come da previsioni, a cui servirà gara-7 per decretare chi la spunterà e chi potrà giocarsi il tricolore, Sogni, speranze, desideri, ambizioni: tutto in due sfide, tutto in due serate imperdibili.

La prima finalista uscirà da un Forum di Assago in fibrillazione per la sua Olimpia, capace di riportare la serie in parità quando sembrava ormai tutto perduto. Sul 3-1 per Sassari, infatti, in pochi credevano che un’Emporio Armani svagata, a tratti svogliata e senza le giuste energie psicofisiche avrebbe potuto mai rimontare un Banco di Sardegna ben centrato ed abile ad approfittare delle defaillance di Milano. Ci credeva, probabilmente, solo Alessandro Gentile. “Ci vediamo mercoledì”, aveva annunciato il capitano meneghino al termine di gara-5: promessa mantenuta. Soprattutto grazie alle sue straordinarie prestazioni con cui ha preso sempre in mano la squadra nei momenti più difficili (cinque partite di fila sopra i 20 punti). Inutile dire che l’inerzia ora è tutta dalla parte dei campioni d’Italia. Alla Dinamo, di fatto, servirebbe un miracolo. E non sarebbe il primo, visto che gli uomini di Meo Sacchetti sanno come mettere in difficoltà l’Olimpia e le sue (comunque poche) certezze.

Domani sera, invece, toccherà al Taliercio di Venezia ergersi a giudice supremo. Da una parte, l’Umana di Recalcati, dall’altra la Grissin Bon di Menetti, quest’ultima eroica a gettare il cuore oltre l’ostacolo in gara-6 nonostante i tantissimi infortunati. Solo sette giocatori a referto, ben cinque giocatori con oltre trenta minuti nelle gambe (Polonara, Kaukenas, Della Valle, Cinciarini e Silins) ma un carattere da grande squadra qual è effettivamente la Reggiana. Che, però, potrebbe pagare dazio lo sforzo profuso nella serata di ieri in casa di Venezia, colpita ma assolutamente non affondata. Anzi. La Reyer è comunque andata vicina al colpaccio esterno e a chiudere in anticipo la serie, per cui partirà con i favori del pronostico forte anche di un Goss in condizioni straripanti dopo i 31 punti firmati al PalaBigi.

Twitter: @panstweet

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Basket

daniele.pansardi@oasport.it

Foto: Pagina Facebook Milano

Lascia un commento

Top