Basket Serie A, Finale Scudetto 2015: Reggio Emilia vince anche gara-2, Sassari si inchina

basket-reggio-emilia-fb-pallacanestro-reggiana1.jpg

Non basta il ritorno di Shane Lawal alla Dinamo per tenere testa a una Reggiana straripante. La Grissin Bon si aggiudica anche gara 2 delle finali scudetto 84-71, trascinata dal blocco italiano e dai due vecchietti lituani terribili, pronti a salire in cattedra nel momento più opportuno. Kaukenas e Lavrinovic sono un campionario di classe, personalità, esperienza e sopratutto punti pesantissimi che consentono ai padroni di casa di tenere la Dinamo sempre a debita distanza per tutto l’arco del match. Tra gli ospiti altra prestazione inguardabile di Dyson, rimasto a quota zero punti e percentuali al tiro davvero troppo basse per combattere alla pari contro questa Reggiana .

La partita Primi 20′ minuti con Reggio molto più dentro al match degli avversari che perdono spesso il filo logico dell’attacco, con Dyson incapace di dettare i ritmi e dare intensità al gioco sassarese. La Grissin Bon è invece una macchina perfetta o quasi: difende duro e in attacco Kaukenas e soci vanno a nozze e provano l’allungo già nei primi minuti. Divario che si concrettiza, i padroni di casa vanno sul +15 prima della reazione biancoblu con le buone giocate di Brooks e Sosa che permettono ai sardi di ritornare a -10.

Il distacco acquisito nel primo quarto rimane sostanzialmente invariato anche nel secondo. La Dinamo c’è, Lawal a rimbalzo è un fattore non di poco conto ma le troppe palle perse e una Reggiana comunque capace di ribattere colpo su colpo non consentono ai biancoblu di riavvicinarsi.

L’energia e l’intensità di gioco della Grissin Bon, evidenziata anche in gara 1, emerge nettamente nel terzo quarto, letteralmente dominato dagli emiliani. Lavrinovic e Kaunekas ci sono sempre, Polonara (20 punti per lui) e Della Valle confermano il loro stato di grazia mettendo a segno delle triple che mettono ko una Dinamo priva di idee e contromisure adeguate. L’ultimo tempo è soltanto una formalità, tra gli ospiti Brooks predica nel deserto mentre nella Grissin Bon tutti fanno il loro dovere sino all’ultimo secondo per l’84-71 finale.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA – BANCO DI SARDEGNA SASSARI 84-71 (27-17, 47-36, 68-49)
REGGIO EMILIA: A. Cinciarini 15 (6-9), Kaukenas 14 (5-8 1-4), Silins 11 (1-2 3-8), Polonara 20 (5-9 3-4), Chikoko 4 (2-3); Della Valle 8 (1-2 2-4), Lavrinovic 11 (4-7 1-3), Cervi 1 (0-2). Ne Rovatti, Lavacchielli, Pechacek, Pini. All. Menetti.
SASSARI: Logan 15 (3-6 2-7), Dyson (0-2 0-4), Devecchi (0-1 0-1), Kadji 6 (3-5 0-2), Lawal 7 (3-8); Sosa 10 (4-11 0-5), Sanders 9 (1-3 2-4), Sacchetti 7 (0-1 1-3), Brooks 18 (3-3 2-2). Ne Chessa, Formenti, Vanuzzo. All. Sacchetti.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@oasport.it

Lascia un commento

Top