Baku 2015, ciclismo femminile: sarà Italia vs Olanda?

Marianne-Vos-Ciclismo-femminile-pagina-FB-Vos.jpg

75 ragazze andranno a caccia del primo titolo di campionessa dei Giochi Europei di ciclismo su strada: 120,7 i km della gara in linea sul circuito cittadino di Baku, che presenta la salitella di Flame Towers Fairmont/Huseyn Cavid come punto più impegnativo, e 25,8 completamente piatti sono invece i chilometri della cronometro. Giovedì 18 e sabato 20 giugno sono i giorni prestabiliti per queste gare.

Il tracciato della gara in linea non si presenta dunque totalmente privo di difficoltà, ma la volata non appare così improbabile: in questo senso l’Italia schiererà al via un lotto di atlete che si districano molto bene nelle volate di gruppo e in quelle più ristrette, da Elena Cecchini ad Arianna Fidanza, da Maria Giulia Confalonieri a Valentina Scandolara, ma anche Tatiana Guderzo e Rossella Ratto non sono ferme negli sprint, pur essendo al tempo stesso ragazze da corsa dura e selettiva. Dunque, la nazionale italiana si presenta, come ad ogni grande manifestazione, con un rosa tra le più forti in assoluto e soprattutto basandosi su una non indifferente capacità di adattarsi ad ogni situazione tattica che possa venirsi a creare.

Certamente la concorrenza non manca: la cannibale Marianne Vos rientra tra le convocate di un’Olanda dove Chantal Blaak, Lucinda Brand, Anna Van der Breggen, Ellen Van Dijk e Annemiek Van Vleuten compongono una squadra sulla carta formidabile e solo parzialmente avvicinabile dalle azzurre. Altri nomi importanti, come Jolien D’Hoore, Lizzie Armitstead, Emma Johansson o Pauline Ferrand-Prèvot (quest’ultima in gara in MTB), non parteciperanno invece all’evento; così, dietro a Italia e Olanda non ci sono altre nazionali tanto competitive, eppure singole atlete come la polacca Katarzyna Niewiadoma, la bielorussa Alena Amialiusik, la russa Elena Kuchinskaya o la veterana norvegese Cecilie-Gotaas Johnsen potrebbero inserirsi nel duello tra le due scuole più forti del ciclismo femminile.

Per quanto riguarda la prova a cronometro altri due nomi da cerchiare in rosso sono l’ucraina Hanna Solovey e la belga Kelly Druyts, tra le favorite per il podio al pari delle stesse olandesi: in questa specialità, come da tradizione, la missione azzurra sarà più complicata. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

Top