Volley, SuperLega – Trento è la seconda Finalista Scudetto! Perugia ko, che battaglia campale

SuperLega-Lanza.jpg

Trento è la seconda finalista scudetto. Saranno i dolomitici a sfidare Modena nella serie che, a partire da domenica, assegnerà il tricolore di volley maschile.

Al termine di una battaglia campale durata due ore e mezza (ottavo incontro più lungo della storia del volley italiano professionistico, il più lungo di una fase playoff), i ragazzi di Stoytchev sconfiggono Perugia nella decisiva gara3 di semifinale. Al PalaTrento il 3-2 conclusivo (25-20; 29-27; 22-25; 25-27; 16-14) manda in visibilio i padroni di casa che mantengono inviolato il proprio palazzetto in campo nazionale e conquistano così la settima Finale Scudetto della loro storia: da domenica partirà la caccia al titolo di Campioni d’Italia, già visto tre volte a queste latitudini. Sarà anche la terza Finale stagionale dopo quelle perse in Coppa Italia (proprio contro Modena) e in Coppa CEV (contro la Dinamo Mosca, unica capace di sconfiggere Trento tra le mura amiche).

Perugia esce a testa altissima, ma non riesce a ripetere l’impresa della passata stagione quando giocò la finale. Gli umbri, eccezionali nel portare la serie alla bella, si rendono protagonisti di un rimontone d’antologia: sotto 2-0 trascinano Trento al tie-break, vanno sotto 5-2, ricuciono, sul 14-12 sembra nuovamente finita, ma riescono a pareggiare prima di soccombere definitivamente.

Il risultato odierno definisce anche il contingente italiano per le prossime Coppe Europee: Trento, Modena e Macerata in Champions League; Perugia in Coppa CEV; Verona in Challenge Cup. Trento e Modena confermano così le prestazioni della regular season: prima e seconda si sfideranno per lo scudetto.

 

Decisivo l’apporto di Matey Kaziyski (25 punti, 3 muri) che replica la super prova di gara2, quando però Trento uscì sconfitta dal PalaEvangelisti. Assoluto protagonista di giornata è però stato Mitar Djuric: ritornato a Trento praticamente solo due settimane fa, subentrato nel corso di gara2 vista la performance disastrosa di Nemec, parte titolare e sfodera ben 23 punti. Filippo Lanza si ferma a 11, 8 punti a testa per i due centrali Birarelli e Solé (3 muri).

Dall’altra parte della rete non bastano i 29 punti del solito scatenato Aleksandar Atanasijevic, non può festeggiare uno strepitoso Rocco Barone (5 muri, 17 punti) che ha ben affiancato Buti al centro sostituendo Beretta. 18 punti per Chris Fromm e 5 per l’eterno capitano Vujevic che non può tagliare l’ennesimo traguardo da over 40.

Tag

Lascia un commento

Top