Tennis, Internazionali d’Italia: David Ferrer, il fenomeno dei “normali”

tennis-david-ferrer-federtennis-tonelli.jpg

Luciano Ligabue cantava in onore di Lele Oriali “Una vita da mediano”. Se vogliamo trasportare questa famosa canzone al mondo del tennis sarebbe perfetta per un giocatore in particolare: David Ferrer. Nel calcio il mediano non finisce quasi mai in copertina, non riceve mai tanti complimenti e lo stesso vale per lo spagnolo, che nonostante sia arrivato fino al numero tre della classifica mondiale non è mai stato considerato uno dei veri Top del circuito.

David può essere considerato il fenomeno dei giocatori normali, perchè non avrà il talento dei vari Djokovic, Federer, Nadal o Murray, ma un cuore e una grinta immensa e quella voglia di lottare e di non darsi mai per vinto fino all’ultimo quindici della partita. Alla fine della stagione è quasi sempre il tennista che ha giocato più tornei, sicuramente quello che ha macinato più chilometri sui campi.

Anche a Roma nel totale silenzio ha raggiunto le semifinali e domani affronterà Novak Djokovic. Il serbo in questo momento sembra imbattibile, ma se c’è un giocatore che sicuramente non partirà battuto è proprio Ferrer, che fin dal primo scambio si metterà a correre a perdifiato per cercare di fermare Nole.

“Anni di fatica e botte e vinci casomai i mondiali” e quei Mondiali per David potrebbero essere uno Slam, magari l’amato Roland Garros. Una vittoria che per la sua splendida carriera il 33enne di Javea meriterebbe più di chiunque altro.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina sul Tennis

Foto da fedetennis di Tonelli

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

Top