Scherma, Coppa del Mondo: a Rio un Grand Prix dall’atmosfera olimpica

Paolo-Pizzo-scherma-foto-Bizzi-Federscherma.jpg

Aria di Olimpiade nel Grand Prix di spada a Rio de Janeiro. Sulle pedane che l’anno prossimo faranno da cornice all’evento olimpico, si vivrà l’ultimo appuntamento stagionale prima dell’inizio di Europei di Montreux e i Mondiali di Mosca.
Essendo un Grand Prix, la formula prevede solo le gare individuali e non quelle a squadre. Il programma parte già domani con le qualificazioni, mentre sabato toccherà agli uomini e domenica alle donne.

Partiamo proprio dal settore femminile, dove aspettiamo ancora il primo successo stagionale, almeno nell’individuale. Sul podio ci sono già salite Bianca Del Carretto (Doha) e Mara Navarria (Barcellona), mentre non sta attraversando un momento positivo Rossella Fiamingo. La Campionessa del Mondo in carica non è mai riuscita a raggiungere i quarti di finale in questa stagione e come miglior piazzamento ha il nono posto ottenuto nella tappa italiana di Legnano.
Su loro tre comunque poniamo le maggiori speranze di medaglia, mentre come possibile outsider, oltre a Francesca Quondamcarlo, c‘è Giulia Rizzi, capace di entrare tra le prime otto in Coppa del Mondo a Johannesburg e in buona forma nell’ultimo periodo.

Dando uno sguardo alle altre nazioni, spicca l’assenza della rumena Ana Maria Branza, mentre ci saranno tutte le altre big come l’ungherese Emese Szasz, le cinesi Xu Anqi e Sun Yujie, le numerose russe e la tedesca Britta Heidemann. Come sempre nella spada femminile c’è grande battaglia e si tratta dell’arma con il maggior equilibrio e dove davvero sono tantissime le candidate alla vittoria.

Passiamo agli uomini e qui è stato un vero e proprio regno francese. Incredibile il rendimento della Francia al maschile con ben cinque vittorie e tutte con atleti diversi. Una squadra semplicemente straordinaria e che ovviamente a Rio parte con i favori del pronostico.

Solo due le vittorie non francesi, grazie allo svizzero Max Heinzer e l’estone Nikolai Novosjolov. Quindi è mancato l’acuto azzurro, ma non sono mancati i podi italiani. L’ultimo in ordine di tempo è quello di Paolo Pizzo, che ha conquistato il bronzo nella prova parigina del Monal. Lo spadista siciliano è il più in forma della nostra nazionale, anche se va ricordato che in questa stagione Enrico Garozzo è già per due volte salito sul podio e che si trova al terzo posto del ranking mondiale.

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

twitter Andre_Ziglio

foto da Augusto Bizzi/Federscherma

Lascia un commento

Top