MTB: ad Albstadt Kulhavy e Neff per le conferme, Fontana e Lechner per il riscatto

kulhavi1.jpg

Jaroslav Kulhavy e Jolanda Neff affronteranno la seconda tappa di Coppa del Mondo di mountain bike-cross country, in programma nel weekend ad Albstad, con la sicurezza di chi ha saputo rompere il ghiaccio sin da subito.

Al tempo stesso, però, il pronostico per le gare élite nella località tedesca è quantomai aperto: abbiamo ancora negli occhi il duello al femminile tra la giovane elvetica e l’esperta Dahle, ma anche Ferrand-Prèvot e Pendrel non sono certo nomi da sottovalutare, così come nel maschile Absalon e Schurter non accetteranno tanto facilmente di essere ancora messi alle spalle dal forte ceco. In tutto questo, cosa può fare l’Italia?

Sono ben trentacinque gli azzurri al via in rappresentanza dei propri club d’appartenenza, con alcune new entry rispetto al debutto stagionale. Per la categoria maschile élite, si tratta di Marco Aurelio Fontana, Andrea Tiberi, Gerhard Kerschbaumer, Luca e Daniele Braidot, Nicholas Pettinà, Mirko Tabacchi, Cristian Cominelli, Michele Casagrande, Marco Ponta, Andrea Righettini, Maximilian Vieider, Martino Fruet, Andrea dei Tos e Giuseppe Lamastra. Tra le ragazze, ad Eva Lechner, Serena Calvetti e Anna Oberparleiter s’aggiunge Marta Pastore; negli under 23, rispetto alla delegazione di Nove Mesto Davide Clerici, Tommaso Patrucco, Gregorio Cerutti e Moreno Pellizzon si aggregano a Gioele Bertolini, Lorenzo Samparisi, Stefano Valdrighi, Mattia Setti, Alessandro Naspi, Edoardo Bonetto e Federico Barri. Infine, nelle ragazze di pari categoria Giulia Gaspardino completa la formazione comprendente Lisa Rabensteiner, Serena Tasca, Emilie Collomb e Alessia Bulleri.

Dalle gare ceche è emerso il piacevole salto di qualità compiuto da Andrea Tiberi: il piemontese in questo momento rappresenta un atleta in decisa crescita che potrà oltretutto giovarsi di un numero di partenza ancora più positivo, anche se ovviamente un campione come Fontana è atteso ad un deciso riscatto e Kerschbaumer deve insistere per completare il percorso di crescita richiesto dalla nuova categoria e non ancora totalmente assorbito. Tale percorso, pur negli step inferiori, sembra digerito appieno da Gioele Bertolini, che anche tra gli U23 sta iniziando a confermare le grandissime doti messe in mostra tra gli junior; nel femminile, ci si può attendere di più rispetto allo scorso weekend sia da Eva Lechner, sia da Lisa Rabensteiner.

Per restare aggiornato sul mondo della mountain bike visita FreeBike Tv, anche su Facebook

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@oasport.it

Lascia un commento

Top